Giustizia: Orlando, condivido parole Napolitano su urgenza riforma

CRONACA

"Condivido le valutazioni del presidente della Repubblica. Credo ci possano essere le condizioni per una riforma della giustizia anche se in Italia non ci vuole molto a riaccendere conflitti che non aiutano ad arrivare a un progetto condiviso. Dunque è d'obbligo la cautela ma è necessario agire". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando il nuovo richiamo del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, alla necessità di intervenire con urgenza per una riforma della giustizia. Il Guardasigilli ha poi ricordato che "una riforma complessiva della giustizia che affronti i temi ordinamentali e i temi del processo non ha possibilità di riuscita se prima non si affrontano le emergenze" che a giudizio del ministro sono quattro: "L'emergenza delle carceri, la carenza del personale amministrativo negli uffici giudiziari, la mole del contenzioso civile e la necessità di rafforzare strumenti di contrasto alla criminalità organizzata", punti sui quali "ci sono provvedimenti già pronti o in fase di ultimazione". Intervenire su queste emergenze è "la condizione per rendere agibile il campo da gioco altrimenti -ha concluso Orlando- anche la migliore delle riforme rischia di essere travolta".




RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.