Due sorelle picchiate e uccise a coltellate in casa

CRONACA
Due sorelle picchiate e uccise a coltellate in casa

(Fotogramma)

Duplice omicidio nel catanese. Due anziane sorelle sono state trovate morte accoltellate in un'abitazione di Ramacca, paese della Piana di Catania. Indagano i carabinieri. Le due vittime, in base alle prime ipotesi, potrebbero essere state uccise al culmine di una violenta rapina.


Il Procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, ha sottolineato come "la scena del delitto" sia "raccapricciante. Donne picchiate e colpite con arma da taglio". Il procuratore ha inoltre ricordato che "è l'ennesimo massacro nella zona del calatino e bisogna fermare questo massacro. Noi e le forze dell'ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente".

Le due donne, rispettivamente 70 e 79 anni, vivevano da sole ed erano entrambe nubili. E' stata una terza sorella, insegnante che abita nella stessa palazzina, a lanciare l'allarme chiamando i carabinieri una volta rientrata da scuola.

Le due vittime presentano diverse coltellate in più parti del corpo. Sembrerebbe proprio quella della rapina la pista più probabile anche per il disordine provocato dall'omicida che ha messo a soqquadro l'appartamento. Gli investigatori stanno ricostruendo dinamica e tempistica del duplice delitto.

Domani, in prefettura a Catania, si terrà un vertice dopo il duplice omicidio. Venerdì, invece, è stata organizzata una fiaccolata. Grande tristezza e sgomento si registra in paese. Per il primo cittadino di Ramacca, Giuseppe Limoni, si tratta di "una tragedia immane che sconvolge la nostra comunità di diecimila abitanti". Il sindaco ha inoltre sottolineato che in paese si conoscono tutti. "Ramacca - ha aggiunto - non ha la violenza nel suo Dna".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.