Home . Fatti . Cronaca . 'Ndrangheta a Milano, colpo alla cosca Barbaro-Papalia

'Ndrangheta a Milano, colpo alla cosca Barbaro-Papalia

CRONACA

È di 14 persone arrestate il bilancio dell'operazione condotta dai carabinieri di Corsico, nelle province di Milano, Como e Reggio Calabria, nei confronti di un gruppo ritenuto responsabile, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Le indagini, dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, hanno consentito di smantellare il gruppo che gestiva il traffico di cocaina, servendosi di una rete di spacciatori di origine magrebina. Sodalizio costituito ed organizzato da quattro fratelli legati alla famiglia di 'ndrangheta Barbaro-Papalia.

Oltre a Francesco Barbaro, già in carcere per altri reati, sono stati arrestati i fratelli Antonio, che aveva assunto la direzione dell'organizzazione per lo spaccio di droga, Salvatore e Giuseppe. Gli ultimi due, di 30 e 24 anni rispettivamente, sono incensurati e sono considerati dagli inquirenti come le nuove leve della famiglia.

Antonio Barbaro è stato fermato a Vipiteno, al confine fra Italia e Austria, mentre si stava dirigendo in Germania, probabilmente per cambiare le auto con targa tedesca utilizzate dal gruppo. Gli arrestati, ha spiegato in conferenza stampa Alessandra Dolci procuratore aggiunto della Dda di Milano, "avevano il controllo del territorio" di Corsico e utilizzavano targhe di copertura e sentinelle per sfuggire ai controlli e rafforzare il presidio. L'indagine è durata poco più di sei mesi e si è basata anche su intercettazioni telefoniche e ambientali e l'uso di telecamere. Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati oltre 25mila euro in contanti e cocaina di estrema purezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.