Clochard investito e ucciso a Roma, presa pirata della strada

CRONACA
Clochard investito e ucciso a Roma, presa pirata della strada

Foto di repertorio (Fotogramma)

E' stata rintracciata e fermata una donna di 56 anni, di nazionalità italiana, in possesso di una Smart di colore nero, perché ritenuta responsabile dell'investimento mortale del 7 gennaio in Corso Italia a Roma, di Nereo Murari, clochard di origine veronese, amato e rispettato da tutto il quartiere. Sono stati gli agenti della Polizia Locale del Gruppo Parioli a rintracciare la donna che dopo aver investito e ucciso il 73enne era fuggita.


Partendo dall'analisi approfondita di un filmato acquisito nelle ore immediatamente successive all'incidente e attraverso un'attività meticolosa di ricerca, gli agenti della Polizia Locale di Roma hanno potuto ricostruire l'intero percorso effettuato dall'investitrice. Gli agenti hanno potuto individuare, così, il modello dell'auto responsabile dell'omicidio stradale, che è risultata essere una Smart di colore scuro e la località in cui l'autovettura ha arrestato la sua corsa, ossia in Via Toscana, dove si è focalizzata l'indagine.

Gli agenti della Polizia Locale hanno proceduto, ieri, al fermo della donna, in possesso di una Smart di colore nero, e nei confronti della quale sussistevano dei fondati indizi di colpevolezza. Accompagnata al Gruppo Parioli della Polizia Locale di Roma e a seguito dell'interrogatorio condotto dal Sostituto procuratore G.B. Bertolini, che ha diretto le indagini fin dall'inizio, alla donna sono stati contestati il reato di omicidio stradale, con fuga ed omissione di soccorso.

La 56enne, ora agli arresti domiciliari, non si sarebbe accorta di aver investito una persona. "Ho sentito che qualcosa era finita sull'auto, ma non pensavo fosse una persona", si sarebbe giustificata la donna dopo diverse ore di interrogatorio. Gli agenti della Polizia Locale per risalire alla donna hanno visionato oltre 60 ore di registrazioni di immagini di telecamere ricostruendo 5 chilometri di percorso effettuato dall'auto in circa 2 ore. A causa del buio la targa non era visibile. Gli agenti hanno poi trovato il punto in cui quella macchina scura era stata parcheggiata e poi sono risaliti alla proprietaria. L'auto è stata posta sotto sequestro.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.