Camion del latte assaltato e incendiato

CRONACA
Camion del latte assaltato e incendiato

(Fotogramma)

Un altro camion che trasportava latte è stato incendiato stamani all’alba nelle campagne di Torralba (Ss). Ancora due banditi armati di fucile e con il volto travisato, secondo quanto apprende l'Adnkronos, hanno bloccato il mezzo e costretto l'autista a scendere. Dopo essersi impossessati del camion e aver percorso un chilometro circa, si sono fermati e gli hanno dato fuoco. Si tratta del camion di un trasportatore privato che lavora per conto della ditta F.lli Pinna di Thiesi. Sul posto i Carabinieri e i vigili del fuoco. Non si conoscono al momento altri dettagli. L'assalto arriva dopo l'accordo raggiunto ieri in prefettura a Sassari sul prezzo del latte, fissato a 74 cent a partire dal mese di marzo.


E' il quarto assalto ad un camion-cisterna per il trasporto del latte: il primo il 24 febbraio ad Orune (Nu), dove sempre due individui armati e travisati, hanno bloccato il camion e costretto l’autista ad aprire le valvole e sversare il latte sulla strada; il secondo due giorni dopo a Nule (Ss), dove questa volta, sempre i due armati e travisati, hanno incendiato il camion, i terso due giorni fa, il 6 marzo proprio ad Irgoli. L’ipotesi è che si tratti sempre della stessa banda.  I due potrebbero aver abbandonato la Baronia e la bassa Gallura, troppo rischiosa perché controllata dalle forze dell’ordine che stanno sorvegliando il territorio anche con elicotteri.

"Il tempismo di questo nuovo incendio di cisterna è decisamente sospetto", afferma Eugenio Zoffili, deputato e Commissario della Lega Salvini Sardegna in merito all’assalto all’autocistern. "Temo - prosegue Zoffili - che ci sia qualcuno che vuole delegittimare la sacrosanta lotta dei pastori proprio all'indomani dell'accordo raggiunto sul prezzo del latte. Un tentativo infame di infangare con la violenza un movimento pacifico che con coraggio si è battuto per difendere il lavoro e la qualità dei prodotti della meravigliosa terra sarda".

"Sono gli ultimi disperati colpi di coda di chi sulla miseria e sullo sfruttamento ha prosperato in questi anni approfittando dell'inerzia delle istituzioni regionali e nazionali. Fortunatamente sia a Roma sia in Sardegna la musica è cambiata, grazie alla Lega che mantiene gli impegni presi con i Ministri Salvini e Centinaio e il nuovo Governatore Solinas, e guarda avanti per garantire un futuro nuovo, fondato sulla dignità del lavoro, ai pastori, ai sardi e agli italiani tutti", ha concluso il Commissario di Lega Salvini Sardegna.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.