Cerca

Da fisarmoniche a mascherine lavabili: "Ci salviamo da crisi aiutando"

CRONACA
Da fisarmoniche a mascherine lavabili: Ci salviamo da crisi aiutando

(dal sito Galassi Group)

Da mantici per le fisarmoniche e teli mare a un nuovo modello di mascherina 'anti-contagio' lavabile, da usare in famiglia per uscire, comunque non in ambienti medici. Quando l'Italia si è 'blindata' per tentare di fermare la corsa del nuovo coronavirus, Renzo Galassi, 62 anni, ha avuto un momento di disperazione. "Con la chiusura delle attività non essenziali la prospettiva - racconta all'AdnKronos Salute - era precipitato in una crisi profondissima. Ho passato due notti insonni".


Poi l'idea. "Come dare una mano in questo momento così difficile e salvare l'azienda alla quale ho dedicato investimenti in tecnologia da 'era 4.0' e sulla quale ho appena puntato altri 250 mila euro per spingerla sull'onda della 'green economy'?". La risposta è stata: riconvertire in tempi record la produzione in mascherine. Siamo nelle operose Marche, a Osimo Stazione (Ancona). Il titolare dell'azienda familiare Galassi Group alza il telefono e chiama il sindaco Simone Pugnaloni. "Gli ho detto: uniamo le nostre disperazioni e troviamo una soluzione".

"Avevo l'idea di mettere in campo un nostro materiale - dice - Si chiama 'ultramicrofibra', normalmente la usiamo per produrre mantici per fisarmoniche, nostro core business, e teli mare 'a prova' di sabbia finissima, come quella delle nostre spiagge". Le sue caratteristiche "si prestano" alla nuova causa. "E' un materiale versatile, lo usiamo anche per realizzare tende in grado di proteggere dai raggi ultravioletti del sole e fare da barriera al caldo". La scelta è stata di cominciare in tempi rapidi la produzione destinando le mascherine a un uso privato, non professionale. Risultato: in 3 giorni ne sono stati realizzati 12 mila pezzi, che il Comune sta distribuendo alle famiglie di Osimo, cittadina di 35 mila abitanti circa (e appunto 12 mila nuclei familiari). Il 25% di questa quantità è stato donato da Galassi Group.

Per raggiungere l'obiettivo si è mossa anche un'imponente macchina del volontariato che ha dato man forte ai 12 dipendenti della ditta. Galassi si è rimboccato le maniche e ha studiato la fattibilità del nuovo prodotto: "Per quanto compatto e protettivo fosse il mix di poliestere e poliammide che compone l'ultramicrofibra, abbiamo cercato di capire come renderlo ancora più performante, in grado di fare da barriera alle goccioline di uno starnuto, per intenderci. E quindi abbiamo schiacciato le fibre creando un'ulteriore barriera meccanica, poi abbiamo lavato il tessuto con ammorbidenti i cui componenti siliconici, fermandosi nella struttura, hanno aumentato ancora di più l'impermeabilità".

Il materiale non va cucito, ma basta tagliare la sagoma adatta al viso. La mascherina si fissa con asole (regolabili in 3 misure) alle orecchie e si allaccia dietro. "Non segna perché non ha elastici, è morbida e in tessuto certificato, e non c'è necessità di toccarsi naso e bocca per indossarla e toglierla. Noi consigliamo di metterla con gli occhiali da sole o da vista (non ha infatti neanche il ferretto che la blocca sul naso) per avere una protezione massima. Si può usare per andare a fare la spesa, o per situazioni in cui si è costretti a fare code", descrive Galassi. "Aumenta senz'altro la sicurezza, anche psicologica".

La mascherina è riutilizzabile, "noi consigliamo fino a 5 volte. Importante è l'asciugatura: mezz'ora ad alta temperatura in asciugatrice è l'ideale. E poi si può ricomprare. Il costo, Iva esclusa, è di 1,50 euro. E se su questi prodotti l'Iva venisse abbassata al 4%, ci risparmierebbe anche il cittadino". La nuova produzione è partita sabato scorso e lunedì le mascherine erano pronte. Si è riusciti nell'impresa grazie a volontari che si sono occupati del confezionamento.

"Noi abbiamo due macchine per il taglio e una per la campionatura e abbiamo allertato i partner che hanno le nostre stesse strumentazioni e le utilizzano in altri settori come la pelletteria. Loro mettono a disposizione le loro macchine per il taglio - oggi ferme per il decreto - Il collo di bottiglia era il confezionamento e lo abbiamo risolto in prima battuta attraverso il Comune e i volontari che hanno lavorato alacremente con noi per raggiungere la meta".

Oggi, calcola Galassi, "siamo in grado di produrre mediamente, al netto delle strozzature, 10 mila mascherine al giorno e stiamo migliorando nel confezionamento, passaggio su cui potrebbero ora contribuire delle cooperative. Allertando i colleghi del nostro network, potremmo anche raddoppiare a 20 mila al giorno. Abbiamo deciso di puntare sulla velocità del progetto. Per produrre invece un presidio medico sarebbe stato necessario un impianto specifico e 6 mesi è il tempo tecnico. La logica che abbiamo seguito è: noi realizziamo un prodotto per la popolazione, così le mascherine professionali possono andare tutte ai medici". Adesso le richieste piovono e la produzione di mascherine continuerà.

"Da oggi facciamo anche i turni di notte, noi della famiglia siamo impegnati in prima linea e vogliamo dare il buon esempio. Per me non esistono weekend né orari. Stiamo cercando di aumentare al massimo la produzione e forniamo anche a un'altra azienda il semilavorato (per una mascherina meno ampia come misure). Nel giro di un mese con tutte le collaborazioni attivabili e con tutto il network in campo potremmo arrivare a 1 milione di pezzi mensili", stima. Galassi ha già in mente anche un altro prodotto: "Un kit per sanificare superfici lisce, con il panno giusto e il gel disinfettante, da usare per esempio in ambienti di ufficio. A prezzo onesto", conclude.

Intanto, il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni guarda già oltre. La volontà è di ampliare la platea di chi riceverà in dono la mascherina 'made in Osimo Stazione'. Ora si pensa di darle anche "ai volontari, che stanno dando una grande mano in questa situazione di emergenza, e alle società partecipate. A chi lavora nei servizi sociali, nelle manutenzioni, e così via".

Pugnaloni è il motore dell'iniziativa insieme al Galassi Group. "Renzo Galassi mi ha chiamato dicendomi che voleva fare qualcosa per la città, riconvertendo il ciclo produttivo della sua azienda - spiega Pugnaloni - Ho coinvolto allora i medici del lavoro per analizzare i materiali ed è emerso che l'ultramicrofibra è molto resistente, ideale come barriera" per bloccare le goccioline di saliva e contribuire a minimizzare il rischio contagio. "La conclusione è stata: si parte con la produzione di mascherine che possono utilizzare le famiglie".

Per l'acquisto è sceso in campo "il Comune. E il Gruppo Astea - realtà che gestisce servizi come acqua, igiene urbana, teleriscaldamento in condivisione fra diversi comuni - ci ha aiutato finanziariamente. Un quarto della fornitura è stata donata dall'azienda stessa che ringraziamo. La cosa più bella è stata il volontariato. Grazie alla Protezione civile più di 30 persone si sono messe a lavorare a un metro l'uno dall'altro in banchi distanti di 2 o 3 metri fra loro per confezionare le mascherine, accompagnandole con un libretto di istruzioni su come lavarle e riutilizzarle e mettendole dentro buste donate da un'altra azienda osimana, Cristianpack della famiglia Pergolesi".

Ecco, continua il sindaco, "è stata un'operazione 'di famiglia' per le famiglie. Sono scese in campo aziende familiari e il Gruppo Astea è esso stesso come una grande famiglia per noi". Anche gli altri Comuni che 'fanno rete' con Osimo hanno espresso interesse per l'iniziativa. "C'è una grande sinergia fra sindaci qui", assicura Pugnaloni. Da quando le mascherine sono pronte, altri 20 volontari "sono in campo ogni giorno a gruppi di due per distribuirle. Ne saranno prodotte ancora. Ci metteremo d'accordo sul prezzo di vendita e sulla parte da donare".

Le mascherine non sono l'unico intervento messo in campo dal Comune: "Stiamo disinfestando strade, piazzali e vicoli con un atomizzatore che passa di notte e presto faremo dono ai dipendenti delle società partecipate di dispositivi di protezione particolari che potrebbero essere donati da aziende del luogo. Abbiamo un servizio di 'pronto farmaco' e spesa a domicilio che sta riuscendo molto bene - elenca il sindaco - e abbiamo distribuito anche volantini per il servizio pranzo e cena a domicilio, pensando soprattutto agli anziani. Infine tre macchine della Protezione civile girano per la città alla mattina e al pomeriggio per 2 ore con un messaggio registrato che ricorda tutte le raccomandazioni da seguire per il contenimento dell'epidemia. Sul restare a casa i cittadini stanno migliorando sempre di più".

L'operazione mascherine è piaciuta alla comunità locale. "Stanzieremo circa 20 mila euro, di cui un acconto già versato. Poi faremo conti alla fine perché vogliamo produrne altre quantità - riepiloga Pugnaloni - Intanto ho ricevuto tantissimi ringraziamenti. E sono contento che l'iniziativa sia stata apprezzata. Quando sono andato in azienda per vedere il risultato della produzione, sono stato il primo a indossare la mascherina numero 1. Un amico mi ha detto: 'Sembri un bandito'. E io gli ho risposto: 'No, sto andando a salvare i miei concittadini dall'emergenza Covid 19", conclude sorridendo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.