Cerca

A Parma buoni spesa, ma solo agli antifascisti

CRONACA
A Parma buoni spesa, ma solo agli antifascisti

Il modulo

di Silvia Mancinelli


Buoni spesa sì, ma solo agli antifascisti. Succede a Parma, dove la Giunta Comunale ha dato il via libera alla delibera che individua le linee operative all’erogazione dei buoni spesa e alimentari per i nuclei famigliari esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza coronavirus. A patto, denuncia con un tweet il deputato di Fratelli d'Italia Giovanbattista Fazzolari, di firmare un modulo in cui si dichiari "che non critichi la Resistenza e l'antifascismo.Questa sinistra fa schifo. Omuncoli cinici e senza scrupoli".

"In base all'art. 5 comma 3 bis del Regolamento Comunale per la concessione di Contributi, vantaggi economici e patrocini - si legge nell'autocertificazione scaricabile dal sito del Comune di Parma - dichiaro di riconoscermi nei principi costituzionali democratici e di ripudiare il fascismo e il nazismo; di non professare e fare propaganda di ideologie nazifasciste, xenofobe, razziste, sessiste o in contrasto con la Costituzione (...); di non perseguire finalità antidemocratiche e di non compiere manifestazioni esteriori di carattere fascista e/o nazista, anche attraverso l'uso di simbologie o gestualità ad essi chiaramente riferiti".

"Il Comune di Parma una parte di queste cose già le richiedeva sul suolo pubblico, ma la giustificazione in quel caso era stata quella di evitare gazebo per propaganda, ma sul fatto che si debba dichiarare la propria ideologia in cambio del buono pasto mi pare assurdo. E' diventata antifascista anche la pastasciutta a Parma - dicono i deputati emiliani di Fratelli d'Italia Galeazzo Bignami e Tommaso Foti, che su quanto accaduto ha presentato un'interrogazione parlamentare oggi pomeriggio - Nel momento in cui si invita a distribuire velocemente questi soldi e semplificare le pratiche, si potrebbero evitare queste sciocchezze: se uno non arriva a comprarsi il panino non gli si chiede che tessera di partito che ha in tasca. E' vero che l'Anpi ha invitato a festeggiare il 25 aprile cantando 'Bella ciao' dal balcone, ma suggerirei di concentrarsi su cose più pratiche in una città come Parma che ha avuto tanti morti di Coronavirus".

PARMA - Fonti dell'amministrazione comunale guidata da Federico Pizzarotti, interpellate dall'Adnkronos, liquidano così le polemiche: "Si tratta di un regolamento unico che riguarda la concessione dei patrocini, i contributi e l'utilizzo delle sale civiche del Comune di Parma. Un regolamento ampio, fatto di diversi articoli, tra cui uno in cui si richiede di ripudiare ideologie naziste e xenofobe e di riconoscersi nella Costituzione. E' un regolamento, quindi, che non riguarda questo caso specifico".

ANPI - "Non ne so niente, sono chiuso in casa come tutti in questo periodo e non ho nulla da dire su questo, farò delle verifiche" ha detto all'Adnkronos, Aldo Montermini, presidente Anpi provinciale di Parma. "Non ho avuto modo di avere informazioni, se è veramente così non sarei favorevole a una cosa del genere, l'Anpi è fatta di persone che hanno in mente l'umanità come principio, ma voglio essere sicuro della questione prima di esprimermi".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.