Home . Fatti . Esteri .

Duran Duran, in beneficenza tutti i proventi della cover di 'Save a Prayer'

ESTERI
Duran Duran, in beneficenza tutti i proventi della cover di 'Save a Prayer'

I Duran Duran (Foto Infophto)

Qualche giorno fa, a poche ore dagli attacchi terroristici a Parigi, i fan inglesi degli Eagles of Death Metal avevano lanciato una campagna online per spingere il gruppo in cima alla classifica britannica. Sul web è partita immediatamente una "gara di solidarietà".


Il brano da acquistare entro domani è 'Save a prayer', cover di un brano dei Duran Duran. Ora anche la band inglese tra le più iconiche degli anni Ottanta si è voluta unire a questa campagna, decidendo che tutte le royalty che arriveranno dalla vendita del singolo saranno donate in beneficenza. "Anche noi ci vogliamo unire a questa campagna - ha scritto Simon Le Bon su Twitter - per questo motivo tutti i proventi che ci arriveranno dalla vendita di questa versione del brano saranno donati per scopi utili, pacifici e di unità".

Sul loro sito i Duran Duran hanno rilasciato un'altra dichiarazione in cui si dicono "onorati che gli Eagles of Death Metal abbiano fatto la cover di 'Save A Prayer' e che l'abbiano inserita nel loro album. Abbiamo incontrato la band venerdì pomeriggio su un Eurostar, andavamo tutti a Parigi. Mentre noi stavamo lì per aprire il concerto dell''Al Gore’s Climate Change', loro stavano suonando al Bataclan. Ciò che è accaduto a Parigi è lontano da ogni comprensione. La tragedia che si è svolta durante il loro spettacolo, e nel resto della città, ha portato tristezza incommensurabile e sconvolto il mondo". "Noi - si legge ancora nel messaggio - appoggiamo incondizionatamente la campagna che i fan hanno lanciato per mostrare solidarietà alla band che amano. Noi doneremo tutti i nostri diritti d'autore derivanti dalla vendita di questa versione del singolo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.