Cerca
Home . Fatti . Esteri .

L'Austria torna alle urne

ESTERI
L'Austria torna alle urne

(Fotogramma/Ipa)

"Ho proposto al presidente federale di celebrare elezioni anticipate il prima possibile". Con un breve intervento, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato questa sera la fine del governo di coalizione dopo lo scandalo che ha investito il vicecancelliere Heinz-Christian Strache.


"Adesso basta", ha detto ancora Kurz, spiegando di non poter più lavorare con il partito di Strache. Secondo il sito del 'Kurier', anche se teoricamente si potrebbe votare ad agosto, una data più realistica potrebbe essere quella del 20 settembre, quando sono in programma anche elezioni regionali nello stato del Vorarlberg.

Che non ci sarebbe stato il lieto fine sulla vicenda era chiaro già in mattinata, quando il cancelliere ha escluso ogni ulteriore collaborazione con il vice cancelliere Heinz-Christian Strache, dopo che questi è apparso in un video in cui, secondo quanto ha appreso l'agenzia stampa Dpa, appare promettere ricchi contratti ad oligarchi russi in cambio di donazioni per il suo partito.

Strache, leader del partito populista di estrema destra Fpoe, si è dimesso sia dalla carica di vice cancelliere che da leader del partito. A sostituirlo in entrambe le posizioni, ha annunciato Strache, sarà il ministro dei Trasporti Norbert Hofer, ex candidato Fpoe alle presidenziali. Strache ha insistito di non aver violato nessuna legge ma ha ammesso che si è trattato "di una questione estremamente imbarazzante, da ubriaconi".

LA VICENDA - Lo scandalo è scoppiato venerdì sera a causa di un video diffuso da due media tedeschi, il magazine 'Der Spiegel' e il quotidiano 'Sueddeutsche Zeitung': le immagini si riferiscono ad un incontro segreto avvenuto a Ibiza fra Strache e una donna che fingeva di essere la nipote di un oligarca russo e si diceva pronta ad investire 250 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture in Austria. Il colloquio sarebbe avvenuto nel luglio 2017, tre mesi prima delle elezioni grazie alle quali il Fpoe è entrato al governo.

Non è chiaro chi abbia organizzato l'apparente trappola e chi abbia registrato di nascosto le sei ore dell'incontro. Dal video appare che Strache spieghi alla donna come sia possibile fare donazioni al suo partito tramite alcune organizzazioni non profit. Inoltre si sente Strache suggerire che la compagnia russa potrebbe prendersi tutti i contratti sinora concessi alla Strabag, la maggior compagnia austriaca di costruzioni. Il futuro vice cancelliere suggerisce anche alla donna l'acquisto del maggior quotidiano austriaco, il 'Kroner Zeitung', perché sostenga il Fpoe in campagna elettorale. In questa operazione, afferma Strache, bisognerà sostituire qualche giornalista: "Ne porteremo cinque nuovi, questo è l'accordo".

Interrogati dai due media tedeschi, sia Strache che Gudenus hanno ammesso l'incontro. In una dichiarazione scritta, Strache ha affermato di aver detto alla donna che le leggi austriache vanno rispettate. Ciò viene confermato dalla registrazione, scrive Der Spiegel. Il leader dell'Fpoe definisce inoltre l'incontro "strettamente privato" e afferma che è avvenuto "in una atmosfera casual e rilassata di vacanza con allegre bevute".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.