Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Bielorussia, Parlamento Ue chiede sanzioni contro Lukashenko

ESTERI
Bielorussia, Parlamento Ue chiede sanzioni contro Lukashenko

(Fotogramma/Ipa)

Con 574 voti a favore, 37 contrari e due astensioni, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione in cui respinge i risultati ufficiali delle "elezioni presidenziali" in Bielorussia del 9 agosto, perché si sono svolte "in flagrante violazione di tutte le norme riconosciute internazionalmente" e annuncia che a conclusione del mandato del presidente in carica, Alexander Lukashenko, il 5 novembre, non lo riconoscerà più come presidente del Paese.


I deputati si pronunciano quindi a favore di sanzioni europee contro un ampio gruppo di persone responsabili della falsificazione dei risultati elettorali e la violenta repressione in Bielorussia, in particolare il presidente Lukashenko. Chiedono agli stati membri dell'Ue di mettere in opera misure restrittive senza tardare, in stretto coordinamento con i partner internazionali.

I deputati inoltre salutano la recente creazione del Consiglio di coordinamento in qualità di "rappresentante provvisorio del popolo che chiede un cambiamento democratico in Bielorussia", aperto a tutti gli attori politici e sociali e ripetono i numerosi appelli allo svolgimento di nuove elezioni libere ed eque nei tempi più rapidi possibili e sotto supervisione internazionale.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.