Cerca
Home . Fatti . Esteri .

"Trump sta molto bene", parlano i medici del presidente

ESTERI
Trump sta molto bene, parlano i medici del presidente

(Afp)

"Questa mattina il presidente sta molto bene". Sono le parole del dottor Sean Conley, medico della Casa Bianca, in un briefing al Walter Reed Medical Center, dove Donald Trump è ricoverato da ieri. "E' stata una misura precauzionale. Siamo molto soddisfatti dei progressi del presidente. I primi 7-10 giorni sono i più critici per il decorso di questa malattia. In questo momento siamo molto soddisfatti. Giovedì aveva una tosse blanda, congestione nasale e si sentiva affaticato. Tutto questo si sta risolvendo e le cose stanno migliorando". "E' importante notare che il presidente non ha febbre da oltre 24 ore. Rimaniamo ottimisti con cautela, ma sta andando alla grande. Ha una montagna di lavoro da fare che gli viene consegnato dal capo dello staff", ha detto ancora.


Covid, cosa sono i 'super anticorpi': la terapia scelta per Trump

La diagnosi di positività al Covid 19 è stata fatta la sera di giovedì, 1 ottobre e al presidente è stato somministrato il cocktail di anticorpi Regeneron venerdì 2 ottobre, ha precisato Conley in un secondo momento. Nel briefing, il medico aveva fatto riferimento ad una diagnosi eseguita 72 ore fa: questo avrebbe spostato l'inizio del 'caso' a mercoledì. Conley ha spiegato di aver parlato di '72 ore' invece che del 'giorno 3' e di aver usato le parole '48 ore' al posto di 'giorno 2' per la diagnosi e la somministrazione della terapia. Il riferimento alle 72 ore aveva fatto sorgere dubbi sul fatto che il test fosse stato realizzato prima della partenza di Trump per la raccolta fondi nel New Jersey.

"L'ultimo dato relativo alla saturazione è del 96% e oggi non ha avuto bisogno di ossigeno. Ne avrà bisogno? Tutti gli indicatori dicono che non andrà sotto ossigeno. Ieri, qui con il team, e oggi non è stato sotto ossigeno", ha ripetuto prima di aggiungere che non è stato necessario utilizzare ossigeno nemmeno giovedì ma senza chiarire se il presidente abbia avuto bisogno di supporto alla Casa Bianca prima del ricovero. Non a caso, secondo la Cnn il presidente avrebbe ricevuto ossigeno.

"Non ha mai manifestato difficoltà respiratorie. Quando sarà dimesso? Sta andando benissimo, ogni giorno valutiamo quali sono le sue necessità e le sue condizioni. Ogni giorno esamineremo la situazione con i medici". Ci sono fattori di rischio particolari? "Ha 74 anni, è un uomo -ha aggiunto Conley riferendosi alle categorie più colpite dal covid- ed è leggermente sovrappeso. Al di là di questo, è in ottima salute. Il colesterolo è ottimo, la pressione va benissimo e non ha bisogno di farmaci. Il battito cardiaco è tra 70-80, la sua pressione sistolica è 110-120 e non costituisce un elemento di preoccupazione. Perché è qui allora? Perché è il presidente degli Stati Uniti". La First Lady "sta benissimo, non c'è nessun elemento che faccia pensare al ricovero".

Il presidente viene sottoposto a "terapie multidisciplinari. Lo stiamo monitorando attentamente. Le funzioni cardiache, renali e epatiche sono normali. Il presidente non è sotto ossigeno, non ha difficoltà a respirare o a camminare nell'unità medica della Casa Bianca. E' di ottimo umore, mentre completavamo le procedure stamattina ha detto 'sento che potrei andarmene da qui'. Sono parole molto incoraggianti da parte del presidente", ha aggiunto il dottor Sean Dooley, un altro componente dell'unità medica.

"Il presidente ha ricevuto una terapia speciale a base di anticorpi, ha ricevuto la prima dose di Remdesivir ieri sera, nell'ambito di un trattamento di 5 giorni. Visto che sta bene, il 'grande piano' prevede di far sì che mangi, beva e si idrati facendo tutto ciò che è necessario per stare bene", ha spiegato il dottor Brian Garibaldi.

"Medici, infermieri e tutto il grande Walter Reed Medical Center, ed altri di istituzioni analoghe, incredibili, che si sono uniti a loro sono pazzeschi" twitta il presidente Trump. "Enormi progressi sono stati compiuti negli ultimi sei mesi nel combattere questa peste. Con il loro aiuto, mi sento bene". "I nostri grandi Stati Uniti vogliono e hanno bisogno di stimoli. Lavorate insieme e datevi da fare. Grazie'.

Secondo una fonte vicina alla Casa Bianca, citata dalla Cnn, il presidente Trump sarebbe stato messo sotto ossigeno dopo la comparsa dei sintomi del Covid-19. "Assolutamente ha ricevuto ossigeno supplementare", ha dichiarato la fonte, precisando che questo è accaduto venerdì. Nel briefing alla stampa, il medico di Trump aveva detto che il presidente non è sotto ossigeno al momento e - incalzato dalle domande - aveva precisato che "ieri e oggi non è stato sotto ossigeno".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.