cerca CERCA
Sabato 08 Maggio 2021
Aggiornato: 07:26
Temi caldi

Fca: Melfi, dal 21 maggio 6.200 operai tornano in fabbrica

15 maggio 2020 | 08.00
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Afp)

Dal 21 maggio riparte l'attività produttiva dello stabilimento Fiat Chrysler di Melfi, con l'impiego di 6200 operai sul totale della forza lavoro di circa 7400 unità. La restante parte resterà a casa, con lavoro a turnazione, e sarà coperta dalla cassa integrazione ordinaria. Sono le comunicazioni fornite in una videoconferenza tra l'azienda, le organizzazioni sindacali e le rsa di stabilimento. Sarà chiesta la cassa integrazione per tutti per cinque settimane, a partire dal 13 maggio e fino al 17 giugno, e ne usufruiranno i lavoratori per i periodi in cui non saranno impiegati.

''Fca ha riconfermato la ripresa della linea Renegade e 500X per il giorno 21 maggio - affermano i sindacati Fim, Uilm, Fismic, Ugl, Aqcf - con un esubero giornaliero, rispetto alla totalità dei 7400 lavoratori, di 1200 lavoratori; FCA ha anche confermato che, a partire dalla prima settimana di giugno, si raddoppierà la produzione della linea Compass e Renegade ibrida; l'imminente salita produttiva permetterà la graduale riduzione dell'esubero giornaliero''.

Ma ''resta di fatto una crisi profonda del settore - sottolineano - che dovremo affrontare nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Ecco perché è stato anche segnalato che le cinque settimane di Cigo Covid-19 sono insufficienti, c'è bisogno che il Governo e l'Europa intervengano a sostegno di un settore che coniughi esigenze ambientali e commerciali e che tuteli l'industria dell'auto''. Gli operai di Melfi sono in cassa integrazione da marzo, a fine aprile c'è stata una prima ripartenza riguardante per ora circa 600 lavoratori.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza