cerca CERCA
Domenica 02 Ottobre 2022
Aggiornato: 17:09
Temi caldi

Ferrovie: Vendola, non vogliamo che nostre infrastrutture restino incompiute (2)

18 marzo 2014 | 17.35
LETTURA: 2 minuti

''Noi, sin dall'inizio - ha aggiunto Vendola - abbiamo provato a porre ai Governi due grandi esigenze: quella di liberare la dorsale adriatica dai blocchi e dalle barriere che impediscono un trasporto fluido di merci e di persone. Tra Termoli e Lesina ci sono trenta chilometri in cui la ferrovia conosce un unico binario. Il raddoppio della Termoli Lesina e' dunque un'urgenza assoluta e chiediamo al Ministro Lupi di farsene carico''.

''Cosi' come - ha spiegato ancora Vendola - ci siamo battuti per l'unificazione del Mediterraneo, perche' il Mare Adriatico e il Mar Tirreno potessero comunicare. Quindi il treno ad alta capacita' da Bari a Napoli puo' rappresentare una svolta epocale, dal punto di vista anche merceologico oltre che trasportistico''. A questo proposito, il presidente Vendola ha invitato il ministro Lupi ad aprire il tavolo che riguarda il tratto Apice-Orsara, relativamente all'impresa Rabbiosi che oggi e' in amministrazione controllata. ''Il garbuglio che si e' determinato - ha aggiunto Vendola - puo' rappresentare un'incredibile perdita di tempo e noi non possiamo permettercelo. La Puglia ha bisogno di un veloce affaccio sul Mar Tirreno, la Puglia ha diritto di correre lungo la dorsale adriatica''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza