cerca CERCA
Mercoledì 16 Giugno 2021
Aggiornato:
Temi caldi

Lega: in 20 anni macchina espulsioni non si è mai fermata/Adnkronos

30 giugno 2015 | 13.10
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Matteo SalviniFoto Ravagli/Infophoto

Ancora un'espulsione in casa leghista. A cadere, questa volta, è stata la testa dell'ex capogruppo alla Camera Marco Reguzzoni, tra gli eletti del cerchio magico quando a dirigere la ditta era il Senatur. Pochi mesi fa, dopo 25 anni di militanza nelle file padane, era toccato al sindaco di Verona Flavio Tosi, reo di essersi candidato a governatore del Veneto in competizione con il 'doge' Luca Zaia.

La storia delle epurazioni nel Carroccio è lunga vent'anni. Come lungo è l'elenco di nomi degli esiliati nel corso di quattro lustri. Il primo a sperimentare la durezza dello scontro interno al partito è stato nel 1994 Franco Rocchetta, accusato, insieme alla ex consorte Marilena Marin e a Vittorio Aliprandi, di essere "un berlusconiano" e di voler ritardare il cammino federalista. Per Aliprandi, ad aggravarne la posizione, anche l'accusa di morosità: "non ha pagato la quota mensile", si sentenziò subito dopo la pronuncia del Consiglio federale.

Quello delle espulsioni è un vizio antico della Lega. Basti pensare come negli anni successivi alla nascita della 'cosa' leghista tra quanti, nello studio bergamasco del notaio Giovanni Battista Anselmo, giurarono fedeltà ad Alberto da Giussano e alla causa federalista, i superstiti furono solo tre: Umberto Bossi, Francesco Speroni, l'ex assistente di volo col cravattino texano, e lo chansonnier piemontese Gipo Farassino.

Nel '94 fuori dal Carroccio Miglio, due anni dopo via Irene PivettiGli altri, tutti abbattuti. Uno alla volta, come i dieci piccoli indiani di Agatha Christie, espulsi o costretti ad andarsene. Come Achille Tramarin, il primo parlamentare ad argomentare in dialetto nell'emiciclo di Montecitorio. O come Graziano Girardi, ex commerciante di tendaggi a Farra di Soligo e primo senatore leghista. Fuori anche Franco Castellazzi, proprietario di una discoteca con annessi striptease e primo capogruppo leghista alla Regione Lombardia. E ancora Bruno Ravera, Giorgio Conca, Carla Uccelli, Riccardo Fragassi, Roberto Gremmo, tutti leghisti della prima ora.Nel 1994, dopo quattro anni di amicizia e tesi federaliste condivise, la rottura con l'ideologo leghista Gianfranco Miglio, che nel 1994 testimoniò al processo Enimont contro Bossi, imputato per una tangente di 200 milioni. Automatica l'espulsione, condita da una sfilza di insulti: "poveraccio, panchinaro, scorreggia nello spazio". Nel 1996 viene cacciata Irene Pivetti, eletta due anni prima allo scranno più alto di Montecitorio, prima presidente leghista della Camera ed anche la più giovane, a soli 31 anni. La sua colpa? Quella di essersi opposta all'idea della secessione della 'Padania', in quegli anni cavallo di battaglia del Carroccio.

Nel 2004 espulsa anche Gilda, la cagnetta di Luigi Negri ed Elena GazzolaFuori dal partito si sono ritrovati, nel 1995, il primo capogruppo alla Camera Pierluigi Petrini, che si dimette da presidente dei deputati in contrasto con la decisione di Bossi di ostacolare la riforma previdenziale del governo Dini. Nel 1998 viene cacciato il segretario della Liga Veneta Fabrizio Comencini per aver rivendicato l'autonomia della sua formazione. Nel 1999 viene espulso il capogruppo alla Camera Domenico Comino per aver sostenuto la necessità di un'alleanza strategica con Forza Italia. E' definito "traditore", "venduto", "mangiabistecche berlusconiste", il dirigente che preferisce "le forchette" alla "spada di Alberto da Giussano". Un mese più tardi Bossi sceglierà proprio questa strada. Nel 2004, vittime delle regole interne del partito e degli attriti con il cerchio magico di allora anche Luigi Negri, fratello della moglie di Roberto Calderoli, e la consorte Elena Gazzola, presidente leghista del Consiglio comunale a Milano. Nella black list finì perfino la loro cagnetta Gilda, cui fu negato l'ingresso nel cortile di Palazzo Marino da una ordinanza ad hoc dell'allora sindaco Marco Formentini, che a sua volta, più in là, sarebbe stato convinto a fare le valigie, diventando l'ennesima 'vittima' illustre.

nel 2012 la svolta delle ramazze, cade il cerchio magico bossiano

Nel 2012 altre espulsioni: il senatore Lorenzo Bodega, suo fratello Lamberto e Pierino Locatelli, consiglieri comunali a Lecco. Tutti e tre avevano protestato per l'espulsione della vice presidente del Senato Rosy Mauro, indagata dalla magistratura. Un anno dopo, nuova infornata di espulsioni e sospensioni avvenuta sul 'sacro prato' di Pontida dopo il passaggio di testimone dal senatur a Bobo Maroni e la stagione delle ramazze. Fuori dal partito in 14, praticamente tutto il cerchio magico bossiano: 10 esponenti veneti tra cui l'ex deputata Paola Goisis e 4 lombardi, fra i quali il componente del Consiglio federale Marco Desiderati e l'ex deputato Giovanni Torri.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza