cerca CERCA
Giovedì 09 Febbraio 2023
Aggiornato: 07:50
Temi caldi

Fuorigioco semiautomatico in Serie A: cos'è e come funziona

09 dicembre 2022 | 16.54
LETTURA: 1 minuti

Dal 4 gennaio 2023 il nuovo sistema

alternate text
- AFP

Il fuorigioco semiautomatico (Saot) arriva in Serie A e debutterà nel campionato italiano il 4 gennaio 2023, alla ripresa del torneo dopo i Mondiali di Qatar 2022. Come funziona il sistema? Quante telecamere vengono utilizzate? Quanto tempo serve per le decisioni?

Il sistema dovrebbe offrire un ulteriore supporto ad arbitri e assistenti nella valutazione delle situazioni più controverse. Dopo essere stato sperimentato con successo alla Coppa Araba Fifa lo scorso anno, il sistema è stato impiegato ai Mondiali. Il presidente del comitato arbitrale della Fifa Pierluigi Collina nelle ultime settimane ha spiegato che l'obiettivo è "avere decisioni più accurate e anche decisioni più rapide nei casi di fuorigioco. So che qualcuno lo ha chiamato fuorigioco robot: non lo è".

Il Saot è un'estensione del sistema Var già impiegato in 47 paesi in tutto il mondo e in più di 100 competizioni, tra cui tutti i tornei Fifa. Dieci telecamere dedicate, oltre a diverse telecamere televisive, sono allestite nello stadio per tracciare 18 punti dati di ogni singolo giocatore, dando la loro posizione sul campo. Il numero di punti dati dovrebbe aumentare a 29 punti per giocatore entro la Coppa del Mondo.

Questi dati, raccolti 50 volte al secondo, vengono poi trasmessi a un Avar specificamente dedicato alle decisioni di fuorigioco per controllare e fare la loro raccomandazione al Var e all'arbitro in campo. Questo processo avviene in tempo reale e quindi significa che le decisioni possono essere prese sulle chiamate in fuorigioco in pochi secondi, attraverso il monitoraggio in tempo praticamente reale della posizione di braccia e gambe dei calciatori.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza