cerca CERCA
Martedì 06 Dicembre 2022
Aggiornato: 20:21
Temi caldi

Garavaglia: "Sostenibilità tra le linee guida del turismo, adeguare l'offerta"

25 marzo 2022 | 13.23
LETTURA: 2 minuti

Il ministro: "Il turista è già cambiato, aveva iniziato a cambiare ben prima del Covid, ma la crisi pandemica ha fatto sì che questo mutamento venisse compreso da tutti".

alternate text
Massimo Garavaglia (Fotogramma)

"La sostenibilità è una delle linee guida del nuovo turismo" e in quest'ottica "entra la modifica del turista e dell’atteggiamento del turista, quindi dobbiamo adeguare l’offerta turistica a un turista che è già cambiato, aveva iniziato a cambiare ben prima del Covid, ma la crisi pandemica ha fatto sì che questo mutamento venisse compreso da tutti". Lo afferma Massimo Garavaglia, ministro del Turismo in apertura della 'Pollica Digital Week', l'evento organizzato dal Comune di Pollica e Future Food Institute, in programma fino al 31 marzo presso il Castello dei Principi Capano. Quindi, un turista che è cambiato, e che, spiega il ministro, "vuole esperienze diverse, vuole l’aria aperta, vuole vivere le comunità e non fare selfie al Colosseo e andarsene. Quindi dobbiamo adeguare l’offerta". Due gli esempi di azione che il ministero sta portando avanti, insieme alle Regioni.

Uno, spiega Garavaglia, "riguarda l’open air e lo sviluppo della camperistica, una delle grosse possibilità che abbiamo nel nostro Paese. In Italia abbiamo circa 2mila piazzole di qualità non proprio eccelsa. Il benchmark è la Francia, ne ha 4mila e di qualità buona se non ottima. Risultato: i turisti del Nordeuropa preferiscono Francia e Spagna all’Italia. Noi cofinanziamo con le Regioni la realizzazione di mille piazzole di qualità per andare nell’ottica di sviluppare un mercato che va nell’ottica della sostenibilità, dell’open air di un turismo che cambia. Non è assolutamente vero che è un mercato povero, basta vedere quanto costa un camper".

Seconda azione: "con il cofinanziamento delle regioni, lo sviluppo della rete dei treni storici. Abbiamo già ottimi esempi fatti con questi treni storici, sold out ogni evento. L’obiettivo è farli diventare non eventi spot ma strutturali. È un esempio di turismo che esce dai grandi attrattori soliti, quando tornerà il problema dell’overtourism noi ci ritroviamo con la necessità di distribuire i flussi turistici. Il treno storico va in questa direzione. Distribuzione dei flussi turistici fuori dai normali attrattori, integrazione con altre forme di turismo sostenibile e, quindi, l’enogastronomia, l’enoturismo, e infine l’integrazione con il turismo ciclabile e anche i cammini" conclude il ministro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza