cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 07:45
Temi caldi

Genitori Renzi, confermati domiciliari

01 marzo 2019 | 13.13
LETTURA: 7 minuti

Il gip di Firenze non ha accolto la richiesta di revoca presentata dall'avvocato dei coniugi. Tiziano Renzi: "Trattati come criminali più pericolosi d'Italia"

alternate text
(Foto Fotogramma)

Il giudice per le indagini preliminari di Firenze, Angela Fantechi, ha confermato la misura cautelare degli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e la moglie Laura Bovoli accusati di bancarotta fraudolenta ed emissione e utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti. Il gip così non ha accolto la richiesta di revoca presentata lunedì scorso dall'avvocato Federico Bagattini, difensore della coppia, durante l'interrogatorio di garanzia."Sono stati depositati degli atti di indagine compiuti prima dell'interrogatorio e sui quali non ci siamo potuti difendere" ha detto il legale di Tiziano Renzi e Laura Bovoli.
"La procura - ha spiegato Bagattini - ha allegato al parere contrario" all'istanza di revoca dei domiciliari "una serie di atti di indagine compiuti pochi giorni prima dell'esecuzione della misura, e dei quali la difesa non aveva alcuna conoscenza e i cui esiti non ci sono stati contestati nell'interrogatorio, durante il quale peraltro il pm non ha fatto alcuna domanda in merito". Secondo l'avvocato Bagattini, "siamo stati privati della possibilità di difenderci anche su questi nuovi elementi, sulla base dei quali peraltro il gip nella decisione odierna ha ritenuto sussistenti profili di attualità rispetto alle esigenze cautelari". Il legale dei coniugi Renzi ha impugnato l'ordinanza odierna del gip ritenendo che siano stati lesi i diritti della difesa poiché nel provvedimento si fa riferimento a documenti che i difensori non hanno potuto mai esaminare. Secondo il gip Fantechi, la conferma degli arresti domiciliari si rende necessario per evitare "il pericolo di reiterazione del reato", ipotizzando il rischio che la società Eventi6, riconducibile ai coniugi Renzi (Laura Bovoli si è dimessa dalla carica di amministratore lo scorso 20 febbraio, due giorni dopo gli arresti domiciliari) "si possa avvalere di altre cooperative" per continuare a commettere i reati di bancarotta fraudolenta e di emissione di fatture false. Secondo il gip, "dalle intere indagini è emerso in modo pacifico che gli indagati abbiano svolto ruoli di fatto" nelle società a loro riconducibili", "tanto che non è possibile ritenere che le loro dimissioni da cariche formali possa ritenersi misura sufficiente a garantire le esigenze cautelari".

Tra i nuovi atti di indagine che la procura di Firenze martedì scorso ha allegato al parere contrario alla revoca degli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli ci sarebbero anche documenti relativi alla procedura fallimentare della cooperativa Marmodiv di Firenze, su cui il tribunale fallimentare dovrebbe emettere sentenza alla prossima udienza del 20 marzo. Marmodiv è una delle tre società cooperative al centro dell'inchiesta della Procura di Firenze per bancarotta fraudolenta e false fatture che ha portato agli arresti domiciliari Tiziano Renzi e Laura Bovoli. Tra gli altri atti portati al gip con il parere negativo, la procura ha consegnato nuove testimonianze raccolte dagli investigatori della guardia di finanza che hanno condotto l'indagine.

Sulla richiesta di revoca degli arresti domiciliari, la Procura già martedì scorso aveva espresso il suo parere contrario, ritenendo ancora necessaria la misura cautelare. La revoca degli arresti domiciliari "per la totale insussistenza delle esigenze cautelari" era stata chiesta invece dall'avvocato Bagattini, legale dei genitori dell'ex premier Matteo Renzi. Nel provvedimento del gip ha disposto gli arresti domiciliari per Renzi senior e Laura Bovoli, eseguito lunedì 18 febbraio, si motivano gli arresti domiciliari con "il pericolo di reiterazione del reato" ipotizzando il rischio che la società Eventi6 "si possa avvalere di altre cooperative" per continuare a commettere i reati di bancarotta fraudolenta e di emissione di fatture false.

Ne corso dell'interrogatorio di garanzia, i Renzi davanti al giudice avevano respinto le accuse dichiarando di non essere amministratori di fatto delle tre cooperative finite al centro dell'inchiesta della Procura (Delivery Service, Europe Service e Marmodiv), precisando di non aver più nessuna carica nella società Eventi6, l'azienda di famiglia. Laura Bovoli si è dimessa dalla carica di amministratore il 20 febbraio scorso, due giorni dopo essere finita agli arresti domiciliari. Tiziano Renzi si è cancellato dall'albo degli agenti di commercio a fine dicembre. "Siamo due pensionati", avevano detto durante l'interrogatorio i genitori dell'ex premier.

I coniugi Renzi si trovano ai domiciliari nella casa della figlia Matilde a Rignano sull'Arno (Firenze). L'appartamento si trova sopra la sede della Eventi6. Il genero Andrea Conticini, marito di Matilde, è indagato in un'inchiesta collegata portata avanti sempre dalla Procura di Firenze. Ieri il gip del tribunale di Cuneo, Emanuela Dufour, ha rinviato a giudizio Laura Bovoli. La madre dell'ex premier dovrà rispondere di concorso in bancarotta documentale per i rapporti che la società Eventi6, di cui nel 2012 era amministratrice, intratteneva con la Direkta srl, società fallita nel 2014.

"La procura - ha spiegato Bagattini - ha allegato al parere contrario" all'istanza di revoca dei domiciliari "una serie di atti di indagine compiuti pochi giorni prima dell'esecuzione della misura, e dei quali la difesa non aveva alcuna conoscenza e i cui esiti non ci sono stati contestati nell'interrogatorio, durante il quale peraltro il pm non ha fatto alcuna domanda in merito". Secondo l'avvocao Bagattini, "siamo stati privati della possibilità di difenderci anche su questi nuovi elementi, sulla base dei quali peraltro il gip nella decisione odierna ha ritenuto sussistenti profili di attualità rispetto alle esigenze cautelari". Tra i nuovi atti di indagine che la procura di Firenze martedì scorso ha allegato al parere contrario alla revoca degli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli ci sarebbero anche documenti relativi alla procedura fallimentare della cooperativa Marmodiv di Firenze, su cui il tribunale fallimentare dovrebbe emettere sentenza alla prossima udienza del 20 marzo. Marmodiv è una delle tre società cooperative al centro dell'inchiesta della Procura di Firenze per bancarotta fraudolenta e false fatture che ha portato agli arresti domiciliari Tiziano Renzi e Laura Bovoli. Tra gli altri atti portati al gip con il parere negativo, la procura ha consegnato nuove testimonianze raccolte dagli investigatori della guardia di finanza che hanno condotto l'indagine.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza