cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 03:31
Temi caldi

Tv

Iginio Straffi: "Non solo Winx ma anche fiction da prime time'' /Video

13 maggio 2016 | 14.36
LETTURA: 6 minuti

alternate text
I protagonisti di 'Maggie e Bianca' (foto Adnkronos)

Non più solo Winx e cartoni per i più piccini. Adesso la Rainbow di Iginio Straffi, padre delle fatine ‘made in Italy’ trasmesse da anni sulle tv di ben 132 Paesi, vuole lanciarsi nel mondo della fiction di prima serata per la famiglia. "Una fiction che coniughi storie intriganti e originali con una parte di effetti speciali che ci derivano dal nostro know how nell’animazione. Qualcosa che solo Rainbow può fare a un certo livello in Italia", spiega lo stesso Strassi in un’intervista all’Adnkronos. E precisa che "questi progetti sono già in scrittura e presto ne daremo notizia, sperando che nel frattempo partano alcune di queste produzioni destinate alla tv generalista, quella dei grandi per intenderci".

Intanto l’azienda, con sede a Loreto e succursali a Hong Kong e in America, è a Cinecittà dove sta girando una fiction interamente in live action, la prima per Rainbow da sempre specializzata in cartoons e che con ‘Mia and me’ aveva sperimentato la formula mista. ‘Maggie e Bianca. Fashion friends’ è il nuovo prodotto di Straffi, in coproduzione con Rai Fiction, che arriverà su Rai Gulp a settembre. La formula è certamente vincente: la scuola, in questo caso di moda, i rapporti tra adolescenti, un taglio internazionale e la musica commerciale appositamente creata per la serie da un gruppo di musicisti arruolati dalla stessa Rainbow.

"Con gli elementi giusti e la qualità produttiva - spiega Straffi - abbiamo voluto realizzare un prodotto internazionale interamente made in Italy. C’è una domanda del mercato che vuole live action di qualità, un tipo di prodotto per il target giovanile che arriva prevalentemente dagli Usa. Abbiamo pensato quindi di realizzare qualcosa che unisse internazionalità a originalità".

"In ‘Maggie e Bianca’, ad esempio c’è il mondo del fashion, che non era mai stato inserito prima in una produzione live action per ragazzi. La moda, caratteristica del made in Italy, unita alla musica, linguaggio universale apprezzato dai giovani di tutto il mondo, danno quindi vita a un prodotto italiano in grado di sbarcare sui mercati internazionali", sottolinea il patron di Rainbow.

‘Maggie e Bianca. Fashion friends’ è la storia di un’adolescente americana con la passione per la moda e la musica che, grazie a una borsa di studio, si trasferisce a Milano per studiare alla Fashion Academy dove incontrerà Bianca, una ragazza totalmente diversa da lei ma con la quale, dopo scontri e incomprensioni tipici dell’adolescenza, avvierà un profondo rapporto di amicizia cementato dalla musica e dalle confidenze delle pene d'amore di Maggie per Jaques e di Bianca per Quinn (I personaggi di 'Maggie e Bianca' si presentano).

La serie, i cui ciak sono giunti alla seconda stagione, è interamente girata nei teatri di posa di Cinecittà, salvo gli esterni girati tra gli studios romani e Milano, e vede oltre mille persone impegnate, 720 ore di riprese, più di 400 attori coinvolti per la ricerca dei ruoli principali, 12 settimane per la costruzione del set, che ha ricreato a Cinecittà la fantasiosa Fashion Academy di Milano con la sua Aula Magna per le sfilate, il laboratorio creativo, il bar Milky Way e la stanza di Maggie e Bianca.

Ma le novità di Rainbow non finiscono qui. Dal 21 maggio infatti su Rai Yoyo parte una nuova seria animata in coproduzione ancora una volta con Rai Fiction dal titolo 'Regal Academy', dove Straffi mescola il mondo del fashion con quello delle fiabe e con la magia. Dai toni ironici e divertenti, 'Regal Academy' racconta le avventure di Rose Cenerentola, una ragazzina appassionata di scarpe che, grazie a una chiave magica, viene catapultata in un mondo parallelo popolato dai grandi personaggi delle fiabe classiche ormai invecchiati, che hanno deciso di riunirsi e creare un'accademia per futuri eroi. Qui Rose scopre di essere la nipote di Cenerentola ed entrerà a fare parte di una terra di meraviglie e magia, abitata da draghi, principi e principesse.

"Ci sembrava divertente mettere a confronto - chiarisce Straffi - i grandi personaggi delle fiabe, con la loro ambizione di portare avanti il mondo della favola classica, e i loro nipoti e pronipoti, che invece vogliono scrivere la loro favola che è quella dei giovani d'oggi. Uno scontro generazionale basato però sull'ironia e sul divertimento".

La serie è completamente realizzata in Cgi, mentre la modellazione e l'animazione 3D sono state finalizzate con una resa visiva chiamata ToonShade con costi di produzione "molto alti, più alti anche di quelli di una serie live action benché costosa come 'Maggie e Bianca'", conclude Straffi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza