cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 14:16
Temi caldi

Iraq, t-shirt felpe e pupazzi venduti in nome della Jihad: sono i gadget di Isil

24 giugno 2014 | 15.47
LETTURA: 2 minuti

Il principale rivenditore di questi 'memorabilia' è un commerciante indonesiano, che sulla sua pagina Facebook promuove magliette con scritte come 'Mijahedeen around the World', 'Mijahedeen for Life' e 'I love jihad'

alternate text

Dopo i social network, i gadget. La strategia di comunicazione dei jihadisti che imperversano in Iraq e in Siria non conosce limiti. In molti siti di e-commerce, ma anche nei negozi di alcuni paesi musulmani, sono apparse t-shirt, felpe e pupazzi con il nome e il logo dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isil). Il principale rivenditore di questi 'memorabilia' del jihad è Zirah Moslem, un commerciante indonesiano, che sulla sua pagina Facebook promuove magliette con il logo dell'Isil o con scritte come 'Mijahedeen around the World', 'Mijahedeen for Life' e 'I love jihad'.

Moslem propone inoltre felpe e pupazzi vestiti da mujaheddin, con tanto di fucile in mano, ma anche indumenti con i loghi di altri gruppi islamici, come Hamas, i Talebani e il Fronte al-Nusra. Dopo aver collezionato più di novemila fan, la pagina è stata cancellata dai gestori di Facebook. Ma il fenomeno del 'merchandising' dell'Isil sembra ormai incontrollabile. La vendita viene proposta anche su alcuni account Twitter e molti di questi gadget sono approdati nei negozi di abbigliamento.

Alcuni utenti di Twitter hanno postato le foto di un negozio del quartiere Bagcilar di Istanbul, situato nella parte europea della citta' turca. Nelle vetrine e sugli scaffali del negozio sono esposte magliette con il logo dell'Isil. "Se vi state chiedendo cosa sia di tendenza per i jihadisti questa estate - scrive con ironia uno degli utenti di Twitter che pubblicano le foto del negozio turco - visitate la nuova boutique dell'Isil a Istanbul".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza