cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Razzi dell'Is e colpi di mortaio su Mosul est: vittime e centinaia di civili in fuga

01 febbraio 2017 | 15.12
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp) - AFP

Centinaia di civili iracheni sono fuggiti dalle zone orientali di Mosul, nel nord dell'Iraq, dopo che i miliziani del sedicente Stato Islamico (Is) hanno lanciato razzi contro le aree riconquistate dalle forze della sicurezza e undici civili iracheni sono rimasti uccisi a causa degli attacchi con colpi di mortaio lanciati dai jihadisti. A fornire il bilancio è un ufficiale dell'esercito iracheno, Mohammed al-Jabouri, citato dall'agenzia di stampa Dpa.

Secondo al-Jabouri, 22 civili sono rimasti feriti negli attacchi contro sette zone nella parte orientale e settentrionale di Mosul. "Le forze irachene stanno trasferendo gli abitanti di questi quartieri in zone sicure", ha detto al-Jabouri.

Lo scorso 24 gennaio le autorità irachene hanno annunciato di aver ripreso il totale controllo della parte orientale di Mosul. Le forze irachene stanno preparando una nuova offensiva contro i jihadisti nella parte occidentale della città, conquistata dall'Is nel giugno del 2014.

I caccia iracheni hanno condotto raid sulle postazioni dell'Is nei distretti occidentali. ''Abbiamo colpito due strutture usate dall'Is per ospitare i combattenti e per conservare cibo e carburante'', ha detto all'Anadolu il pilota iracheno Daud al-Hashemi. Nei raid sono stati uccisi alcuni jihadisti dell'Is.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza