cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:25
Temi caldi

Agricoltura: Kellogg al fianco dei risicoltori italiani per colture sostenibili

09 maggio 2017 | 13.28
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Raccolta del riso

Colture del riso italiano più produttive e sostenibili. E' l'obiettivo del progetti Kellogg’s OriginsTM, il progetto promosso in Italia da circa due anni da Kellogg, azienda leader mondiale nella produzione di cereali pronti per la prima colazione e di snack, per aiutare i risicoltori a focalizzarsi su pratiche di Climate Smart Agriculture e per aumentare le produzioni, con un minore impatto sull’uso delle risorse naturali.

Il progetto è già stato implementato con successo in Gran Bretagna e in Spagna e nel 2015 Kellogg’s Origins è sbarcato in Italia, con il supporto delle riserie Mundi Riso, Euricom e con l'aiuto di un partner chiave come Ente Nazionale Risi - Settore di Agronomia del Centro Ricerche sul Riso.

Per potenziare il progetto dedicato al supporto della risicoltura in Italia, nella primavera del 2016 Kellogg ha deciso di aderire al progetto Sairisi, promosso da Sai Platform - organizzazione creata dall'industria alimentare per comunicare e sostenere attivamente lo sviluppo di un'agricoltura sostenibile con l'obiettivo di promuovere il riso sostenibile che viene coltivato attraverso la collaborazione con gli agricoltori, riserie, rivenditori e aziende alimentari nell’area sud-ovest di Milano.

Il programma ha coinvolto circa 20 risicoltori, e 2 di loro stanno portando avanti campi sperimentali per comparare la produzione “standard” con quella effettuata con le migliori pratiche agronomiche suggerite da Kellogg ed Ente Risi. A seguito dei training, dei monitoraggi e delle pratiche implementate, dopo il primo anno (2015-16) i raccolti mostravano un incremento nella produzione tra il 4 e l’8% rispetto alla resa media e una riduzione nell’utilizzo dei fertilizzanti chimici.

Il programma Origins ha offerto ai risicoltori coinvolti, sessioni di training organizzate e svolte da Sairisi, sull’utilizzo dei fertilizzanti, l’analisi dei terreni, la semina, la gestione delle acque, metodi di identificazione e controllo delle infestanti, parassiti e malattie, e ha previsto il supporto constante di Ente Risi nel seguire i raccolti.

Inoltre, grazie alla collaborazione con MundiRiso ed Euricom, i coltivatori coinvolti hanno la possibilità di confrontarsi con tecnici agronomi, a cui chiedere informazioni o da cui ricevere raccomandazioni e indicazioni. In buona sostanza, un vero e proprio piano di formazione e consulenza indirizzato a tecnici e agricoltori per estendere queste buone pratiche agronomiche in modo che da ottimizzare le risorse a disposizione, migliorare la redditività delle colture e ridurre l'impatto ambientale.

Il programma non include solo training e supporto di Ente Risi per l'analisi e la valutazione dei raccolti, ma anche la creazione di un vero e proprio network e di un condivisione di informazioni e casi di successo tra i risicoltori, Ente Risi, Mundi Riso ed Euricom. All'interno di questo piano, il 29 marzo si è tenuta una nuova giornata di aggiornamento tra tutti i risicoltori coinvolti per parlare dei risultati del programma, delle esperienze effettuate, degli aggiornamenti del progetto e per visitare le riserie.

“Con questo progetto Kellogg punta a migliorare la qualità delle materie prime - i cereali - in maniera sostenibile e aiutare i produttori a migliorare le loro pratiche agronomiche e garantire così ai propri consumatori un alimento per la prima colazione di alta qualità, sano e prodotto nel rispetto dell’ambiente -ha commentato Haaye Boonstra Responsible Sourcing Manager Kellogg Europe-. Origins è un progetto a lungo termine parte del programma BreakfastsTM for Better Days, da poco rilanciato, che ha l’obiettivo di donare 3 miliardi di better days, giorni migliori, entro il 2025; e un obiettivo specifico di questo progetto è proprio il supporto a 500.000 coltivatori nel mondo”.

Per il 2017 il focus del programma Kellogg’s Origins è interamente sull’implementazione di pratiche per ridurre i gas serra e di pratiche rivolte a una maggiore efficienza nell’uso dei nutrienti (concimi).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza