cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

La Russa: "Sia 25 aprile di pacificazione senza cancellare torti e ragioni"

22 aprile 2020 | 13.40
LETTURA: 1 minuti

"Nessun paragone con emergenza coronavirus"

alternate text
Fotogramma /Ipa

"L'aspirazione della destra, da Almirante in poi, è sempre stata quella di trasformare il 25 aprile da data divisiva in una giornata di pacificazione che, senza negare che allora si combattè una guerra fratricida, nulla tolga ai torti e alle ragioni. Speriamo prima o poi di arrivarci". Lo dice all'Adnkronos Ignazio La Russa.

Nessuna voglia di riaccendere le polemiche che lo hanno visto protagonista nei giorni scorsi: "Le giornate che stiamo vivendo oggi -puntualizza - non possono essere paragonate a quelle di allora, accumunate sì per quanto riguarda le sofferenze. E la proposta di Sylos Labini, sulla quale non voglio tornare, voleva semplicemente accomunare i caduti ignoti della Prima e della Seconda Guerra Mondiale ai morti per il Coronavirus, che spesso non possono essere stati neanche accompagnati nell'ultimo viaggio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza