cerca CERCA
Giovedì 29 Luglio 2021
Aggiornato: 07:29
Temi caldi

Moda: la testimonial di Gucci fa il saluto romano? Bufera sui social

30 agosto 2020 | 17.45
LETTURA: 1 minuti

La modella armena Armine Harutyunyan accusata dagli utenti del web di apologia di fascismo

alternate text
Immagine via Instagram @deararmine

La modella armena Armine Harutyunyan, nuova testimonial della casa di moda Gucci, ha fatto molto parlare di sé per la sua bellezza fuori dai canoni. Armine, infatti, si è attirata nelle scorse settimane le sgradite attenzioni social di molti haters che, per criticare il suo aspetto, molto spesso l'hanno insultata e resa vittima di una vera campagna di body shaming.

Adesso la modella di Gucci è nuovamente al centro di polemiche sui social ma questa volta non per il suo aspetto fisico. La pietra dello scandalo è una foto del suo account Instagram, che conta ben 61mila followers. L'immagine, che risale a giugno, raffigura Armine mentre si esibisce in un saluto romano davanti all'Altare della Patria a Roma. In modo scherzoso, la modella armena accompagna l'immagine alla didascalia: "Ave sunstroke", ovvero "ave colpo di sole". E sull'immagine c'è la scritta: "Cesare", chiaro riferimento agli imperatori romani. Insomma, nessuna apologia di fascismo, forse giusto un po' di confusione sui periodi storici. Ma gli utenti del web non sembrano essere d'accordo e chiedono a gran voce delle scuse da parte della giovane modella.

"Apologia al fascismo is a thing in Italy" commenta qualcuno sotto la foto. E ancora: "Devi chiedere scusa", "topo fascista". "Sei pure armena - commenta ancora un altro utente - popolo che ha subito un genocidio, dovresti capire ancora di più cosa significa rispetto verso disgrazie del genere.... Ma effettivamente fai la modella mica puoi essere troppo sveglia". Per ora, comunque, Armine non risponde alle critiche e non entra nella polemica: le sue ultime stories su Instagram risalgono a ieri mentre l'ultimo post è un selfie con la didascalia "mermaid", "sirena".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza