cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Libano, sottufficiale italiano trovato morto nella base Unifil

12 agosto 2014 | 15.16
LETTURA: 2 minuti

Il Primo Maresciallo Luigi Sebastianis, originario di Palmanova, è stato trovato senza vita all'interno della struttura di Shama, nel sud del Paese, che ospita il contingente italiano dei caschi blu dell'Onu. E' rimasto colpito da un proiettile partito dalla propria pistola mentre svolgeva un servizio armato. Il sottosegretario alla Difesa: "Profondamente addolorato"

alternate text
(INFOPHOTO)

Un sottufficiale dell'Esercito è stato trovato privo di vita all'alba a Shama, nel Libano del sud, all'interno della base militare che ospita il contingente italiano dei caschi blu dell'Onu.

La vittima è il Primo Maresciallo Luigi Sebastianis, rimasto colpito da un proiettile mentre era intento a svolgere un servizio armato all'interno della base. Lo riferisce una nota dello Stato Maggiore della Difesa.

Il colpo che ne ha causato il decesso, spiega la nota, è partito dalla propria pistola d'ordinanza. Il fatto è accaduto mentre il sottufficiale si trovava, da solo, all'interno di un locale predisposto per il servizio. Sono in corso gli accertamenti da parte delle autorità per stabilire la dinamica dell'accaduto. Allo stato attuale delle indagini si esclude il coinvolgimento di terze persone.

Il sottosegretario alla Difesa - "Qualunque sia stata la causa del decesso del Primo Maresciallo Luigi Sebastianis" spiega in una nota Domenico Rossi, sottosegretario alla Difesa, "si tratta dell'ennesima perdita di un rappresentante delle Forze Armate e questo mi addolora profondamente tanto che voglio esprime la mia vicinanza ai familiari e a tutta la famiglia dell'Esercito Italiano".

"Non va dimenticato - conclude Rossi - che i nostri uomini e le nostre donne con le stellette ogni giorno dimostrano altissima dedizione alle Istituzioni e svolgono il proprio compito con altissima professionalità in Italia e all'estero".

Originario di Palmanova - Il sottufficiale, originario di Palmanova, in provincia di Udine, prestava servizio presso il battaglione logistico 'Ariete' di Maniago (Pordenone); era in Libano da maggio e lavorava presso il Combat Service Support Battalion.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza