cerca CERCA
Mercoledì 12 Maggio 2021
Aggiornato: 16:38
Temi caldi

Lo sfogo

Lucio Presta: "Zero tamponi a figlio di Paola Perego dopo feste con Covid"

18 agosto 2020 | 10.22
LETTURA: 2 minuti

Il ragazzo era uno dei dj alle feste in Sardegna e all'Argentario in seguito alle quali sono emersi molti positivi al Coronavirus. Lo sfogo del noto agente dello spettacolo: "Ha seguito il protocollo, cosa dobbiamo fare?"

alternate text
Fotogramma /Ipa

"Il figlio di mia moglie (Paola Perego, ndr) è uno dei 2 Dj delle serate in Sardegna ed Argentario, gli comunicano che alcuni dei partecipanti, gli organizzatori e l’altro Dj risultano positivi al Covid, applica protocollo e chiama il medico di base, che ti prescrive tampone, chiama lo Spallanzani per dare dati e chiede che gli venga fatto un tampone. Risposta: la chiamiamo noi e non si sente più nessuno". Comincia così lo sfogo-denuncia di Lucio Presta che, attraverso Facebook, ha deciso di rendere noto quanto accaduto al figlio della moglie Paola Perego, Riccardo. Il ragazzo era infatti uno dei dj alle feste in seguito alle quali sono emersi molti positivi al Coronavirus: dopo essere venuto a conoscenza dei numerosi casi di positività, ha cercato di seguire il protocollo richiesto, riscontrando non poche difficoltà.

"Allora richiama -prosegue Presta spiegando l'accaduto- e gli dicono vada in fila Drive in più vicino per fare tampone. Eseguo con mascherina e protezioni individuali, sei ore di fila in auto ed eccoci tocca a lui, ma sono le 20, devono chiudere, torni domani, anzi lei non dovrebbe uscire di casa perché potenziale positivo, lui replica ma io ho chiamato e mi hanno detto di venire qui, ok va bene torni domani mattina alle 8.30". Nel frattempo "siamo al 4 giorno, chiudere subito discoteche! PERFETTO, ma intanto questo ragazzo che ha seguito il protocollo che VOI AVETE PREVISTO IN QUESTI CASI, che deve fare?", attacca l'agente.

Che conclude con un interrogativo scoraggiato: "Interessa a qualcuno o facciamo un po’ come cavolo ci pare? Vogliamo accertare che lui e gli altri possano essere certi se sono positivi o no e comportarsi come si deve a seconda del caso? Anche stavolta ci vorrà un pizzico di fortuna e tanta pazienza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza