cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:03
Temi caldi

M5S e restituzioni, mail ai morosi: ira degli eletti

03 dicembre 2021 | 10.13
LETTURA: 3 minuti

La mail di riepilogo visionata dall'Adnkronos. Esplodono le chat 5S: "Hanno sbagliato i calcoli"

alternate text
Fotogramma

Il tema delle restituzioni torna al centro del dibattito M5S. Nelle ultime ore i parlamentari 'morosi' hanno ricevuto una comunicazione del tesoriere Claudio Cominardi, con il riepilogo della situazione personale di ogni eletto in merito ai versamenti. La mail di riepilogo, che l'Adnkronos ha potuto visionare, consente a deputati e senatori di "provvedere immediatamente ad effettuare" i versamenti mancanti. La comunicazione, secondo quanto si apprende, sta mandando in subbuglio le chat interne, con diversi parlamentari sul piede di guerra. "Di questo passo, decine di eletti abbandoneranno il gruppo", osserva un pentastellato. C'è chi addirittura arriva a parlare di 40 parlamentari pronti a fare le valigie.

Una grana che rischia di complicare per il M5S la prossima, delicata partita per l'elezione del Presidente della Repubblica. Nella mail inviata dal tesoriere, visionata dall'Adnkronos, si chiede ai parlamentari non regola di saldare le mensilità relative al contributo di 1.000 euro al partito e a quello per le restituzioni da 1.500 euro, ma in alcuni casi vengono reclamati anche il versamento di 300 euro per le "piattaforme tecnologiche" (si tratta della quota destinata a Rousseau prima di aprile 2021 e non ancora versata) e le "restituzioni per la collettività" prima di aprile 2021, non ancora effettuate (all'epoca l'importo era di 2.000 euro mensili). Inoltre viene chiesto agli eletti di versare gli accantonamenti "ante aprile 2021" e di rendicontare le spese effettuate. "Con questa mail scoppierà tutto, c'è gente pronta a uscire dal gruppo già la prossima settimana", scrive un parlamentare lanciando l'allarme.

ESPLODONO LE CHAT: "HANNO SBAGLIATO I CALCOLI"

E dopo la mail della mattina ai parlamentari 'morosi', esplodono le chat 5 Stelle . Molti eletti - indietro nei versamenti anche di decine di migliaia di euro - sarebbero pronti all'addio. Ma c'è anche chi contesta errori nel calcolo dei versamenti da effettuare, puntando il dito contro il tesoriere. "Ho messo 3mila euro in più e mi dicono che devono darne 2.800! Sono fantastici, ora gli mando la prova del pagamento", scrive un parlamentare in una chat visionata dall'Adnkronos.

Proteste che hanno spinto il Direttivo grillino alla Camera a fare una precisazione. "Alla luce della mail inviata, dal Tesoriere del Movimento, in data odierna a tutti i deputati sulla situazione personale in tema di restituzioni, e in considerazione della prossima elezione del Comitato Direttivo - annunciata con mail del 1 dicembre - vi comunichiamo che abbiamo provveduto a richiedere un chiarimento sui parametri che verranno utilizzati ai fini della valutazione della regolarità delle restituzioni, come previsto dal comma 6 dell'art. 21 dello statuto del Gruppo", si legge nel messaggio di cui l'Adnkronos è in possesso.

"Sarà nostra premura comunicarvi in tempi utili aggiornamenti, tali da permettere ai Colleghi e alle Colleghe che intendano candidarsi le opportune valutazioni ai fini della presentazione della propria squadra", prosegue il Direttivo, riferendosi alle imminenti votazioni per eleggere il nuovo capogruppo alla Camera.

Ma il malcontento non si placa. Una parlamentare alla seconda legislatura è su tutte le furie per la mail inviata da Cominardi e in una chat interna parla addirittura di "reato" e di "diffusione illecita di dati personali", minacciando di denunciare i vertici del Movimento 5 Stelle.

Un altro eletto, interpellato dall'Adnkronos, prova a spiegare così il 'pasticcio': "Hanno 'sbagliato' le schede di alcuni parlamentari: nonostante questi abbiano versato anche di più, gli vengono comunque chiesti altri soldi. Poi non si capisce quale sia il criterio per capire chi è in regola e chi no". "Il problema", osserva la stessa fonte, "sta anche nella questione degli accantonamenti. Molti non li hanno effettuati, anche perché la mail - alla quale entro il 31 ottobre bisognava inviare le rendicontazioni delle spese - è stata disattivata".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza