'Get Back', l'Accademia Koefia sfila a Roma il 26 gennaio

La nuova collezione sfila negli spazi del PratiBus District il 26 gennaio

MODA
'Get Back', l'Accademia Koefia sfila a Roma il 26 gennaio

Un allievo dell'Accademia Koefia al lavoro a Roma

Sfilano nella capitale, il 26 gennaio, gli studenti dell'Accademia Koefia, nell'ambito di AltaRoma nei nuovi spazi del PratiBus District, con un omaggio ai Beatles, al loro ultimo album 'Let It Be'. Simbolicamente la fine un’epoca, ma anche il passaggio al decennio successivo che avrebbe scardinato ulteriormente i canoni estetici e culturali della società, la cultura, la politica, la musica e la moda.


La collezione 'Get Back' riavvolge il nastro della storia dello stile, fino al punto di rottura epocale del ‘68 che aprì le porte agli anni '70, a un nuovo modo di concepire l’abito e la sua funzione per renderlo più adatto alla contemporaneità, alla vita scandita da tempi dilatati ma dal ritmo veloce, all’avvicinamento generazionale e di genere, alla libertà di movimento tra luoghi, stato sociale, abitudini.

Gli anni '70 hanno codificato la rivoluzione del decennio precedente, introducendo nello stile il concetto di democratizzazione che ha reso la moda stessa accessibile, usabile, personalizzabile, useful, a volte unisex senza per questo tirare in ballo l’androginia. Ripartire dall’essenza del colore per disegnare l’abito, definirne i suoi dettagli, i contorni e la trama.

Raccogliere l’energia e il potere del colore per lanciare questa collezione vibrante nella quale gli allievi dell’Accademia Koefia propongono 33 outfit nati dalla 'personale reinterpretazione' dell’esprit degli anni '70. Accomunati da linee volutamente essenziali e solo a volte innestate da ruches, con la decorazione annullata, ma demandata al colore che ne diventa l’elemento caratterizzante. Il gioco è nel continuo rimando al vecchio per la presenza dei capi del guardaroba classico quali il cappotto, la gonna lunga, le camicie, i pantaloni, la tuta da lavoro, tutti accomunati dal taglio ampio per aumentarne la vestibilità e dinamicità in perfetta sintonia con il presente.

Anche la scelta del tessuto, tra passato e presente, mischia le trame classiche e morbide della lana a quelle più croccanti e materiche dei tessuti tecnici. Si prosegue, poi, nella scelta dell’accostamento delle tonalità cromatiche, prediligendo il contrasto al tono su tono, quasi a voler stimolare l’iride e indurla a ricercare sensibilità sopite o mai provate.

Tra i colori predominati, nuances di guscio d’uovo accanto allo zafferano, il color cacao che si illumina per riflesso del viola barbabietola che ha al suo fianco, un cappotto di lana color ametista, l’azzurro cielo impercettibile della camicia ampia e fluttuante, il nero immersivo e il bianco pace della tuta, che traghetta un messaggio proveniente dal passato, 'Across the Universe'. ''ll colore è la sensibilità diventata materia nel suo stadio primordiale'', amava ripetere Yves Klein.

Gli accessori,firmati dai giovani allievi dell'Accademia Koefia, fanno parte integrante del progetto dell’abito, ne sottolineano il suo carattere, sono la punteggiatura nella trama del racconto. I guanti presenti in sfilata sono il frutto dell’incontro degli allievi dell’Accademia con Riina Oun, tra le più raffinate creatrici di guanti e docente alla Central Saint Martins School di Londra.

Per quanto riguarda gli occhiali, la Koefia si è avvalsa della collaborazione di Tonino Codispoti, dell’Ottica Vittorio Colonna, storico artigiano romano che da sempre collabora alla realizzazione dei costumi di importanti film che, per l’occasione, ha selezionato alcune montature rievocative degli anni Settanta che dialogano perfettamente con le creazioni degli allievi.

Le borse, al contrario, sono il prodotto del percorso di Alta Sartoria alla base della didattica dell’Accademia, una formazione a 360° a testimonianza della sua attualità nella moda e nel made in Italy contemporaneo. Ogni singolo pezzo della collezione è stato realizzato completamente a mano dagli stessi studenti, nei laboratori dell’Accademia.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.