cerca CERCA
Lunedì 27 Giugno 2022
Aggiornato: 02:03
Temi caldi

Merano, 17enne ustionato in officina: è grave

21 maggio 2022 | 08.16
LETTURA: 1 minuti

Il ragazzo era impiegato in una carrozzeria durante un percorso di alternanza scuola-lavoro

alternate text
Fotogramma

Un 17enne è rimasto gravemente ustionato in un’officina a Merano. Il ragazzo era impiegato in una carrozzeria, durante un percorso di alternanza scuola-lavoro, quando si è verificato un ritorno di fiamma che lo ha colpito. Ora si trova in condizioni molto gravi, in prognosi riservata e in pericolo di vita. Nell’incidente è rimasto ferito anche un 36enne. "Non staremo a guardare, il lutto non ci basta: seguiranno scioperi e mobilitazioni studentesche in tutto il paese” annuncia l'Unione degli Studenti.

"Quanti altri incidenti e morti dovremo avere per cambiare il sistema scuola-lavoro?" dice Tommaso Biancuzzi, coordinatore della Rete degli Studenti Medi. La Rete degli Studenti ha già annunciato mobilitazioni e proposte al ministero dell'istruzione. "Nel 2022 abbiamo avuto due incidenti mortali, quelli di Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci, e altri incidenti gravi sui luoghi di lavoro che hanno coinvolto studenti e studentesse. Abbiamo una proposta che cambi integralmente il rapporto tra scuola e lavoro - spiega Biancuzzi -. Vogliamo luoghi sicuri, investimenti sugli ispettorati del lavoro e che studenti e studentesse rimangano fuori dalla produzione. Dobbiamo imparare e formarci, non essere esposti a rischi e incidenti. Il Ministero ci convochi e intervenga subito".

"Dopo le morti di Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci durante i percorsi di stage, questo incidente si aggiunge a una lunga lista di morti sul lavoro e all'interno delle scuole - dichiara Luca Redolfi, coordinatore nazionale dell’Unione Degli Studenti - morti causati da un sistema malato, volto solamente al profitto. Vogliamo sicurezza dentro e fuori le scuole - continuano gli studenti - vogliamo che l'alternanza scuola-lavoro e gli stage vadano aboliti a favore dell'istruzione integrata" conclude Redolfi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza