cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 23:22
Temi caldi

Mineo: "Renzi senza scrupoli e subalterno a una donna bella e decisa"

05 novembre 2015 | 12.38
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Corradino Mineo - INFOPHOTO

"Renzi non si fa scrupoli, rivela conversazioni private, infanga per paura di essere infangato. E sa che io so. So quanto si senta insicuro quando non si muove sul terreno che meglio conosce, quello della politica contingente. So quanto possa sentirsi subalterno a una donna bella e decisa. Fino al punto di rimettere in questione il suo stesso ruolo al governo. Io so, ma non rivelo i dettagli di conversazioni private. Non mi chiamo Renzi, non frequento Verdini, non sono nato a Rignano". Lo dichiara Corradino Mineo in una nota.

"Quanto alla 'poltrona', a differenza forse di qualcun altro -aggiunge Mineo- io non ne ho bisogno. Ho lavorato per 40 anni, salendo passo dopo passo il cursus honorum, da giornalista fino a direttore. Probabilmente ho ancora 'mercato', potrei tornare a fare quello che ho dimostrato di saper fare. Non ora, perché ho preso un impegno accettando la candidatura che Bersani mi propose nel 2013, e lo manterrò, quell'impegno, in barba a chi vorrebbe 'asfaltare' il dissenso".

"Diciamo che Matteo Renzi -prosegue Mineo- non ha stile. Non ho mai manifestato l'intenzione di dimettermi dal Senato, se non in un sms che mandai proprio a lui, disgustato dall'attacco volgare e strumentale che mi aveva mosso davanti all'assemblea del Pd, dopo la vittoria alle Europee". "Fu poi Gianni Cuperlo, a riprendermi per i capelli e spiegarmi che la politica, ahimè, è anche questo,- scorrettezza cialtrona, e che bisogna saper resistere. Grasso mi ricordò che avevo un mandato da onorare", aggiunge.

"Quanto ai bambini autistici -conclude Mineo- è stato Renzi a strumentalizzarli nel modo più squallido per 'spianarmi'. Li ha usati per strappare un applauso in assemblea e non ha fatto poi seguire un solo provvedimento per andare incontro alle tante famiglie in difficoltà. I fatti hanno la testa dura".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza