cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 13:45
Temi caldi

Morisi, Salvini: "Non sapevo che essere gay e leghista fosse reato"

30 settembre 2021 | 10.22
LETTURA: 2 minuti

Il leader della Lega: "Sinistra va a caccia di omosessuali e candida condannati a 13 anni"

alternate text
Fotogramma

"Leggo su qualche giornale che Luca Morisi", indagato per droga, "è anche accusato di essere omosessuale: non sapevo che l'omosessualità di un leghista fosse reato, anzi pensavo di vivere in un Paese libero dove uno può essere omosessuale, eterosessuale, transessuale senza finire sul giornale". Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di 'Mattino 5' su Canale 5.

"Finché campo, da papà - ha poi continuato Salvini -, combatterò lo spaccio di droga sempre e ovunque, gli spacciatori di droga sono venditori di morte e vanno messi in galera, i consumatori fanno del male a loro stessi e vanno aiutati a smetterla di farsi del male. Chi propone di vendere e coltivare la droga in casa è un folle, la droga è morte, non ci sono droghe buone".

Ad ogni modo, per Salvini il caso Morini non influenzerà il risultato elettorale. "Gli italiani sono molto più intelligenti, liberi e svegli di quanto non li facciano i giornalisti. Qualcuno fa politica facendo il guardone, spiando dal buco della serratura. Oggi ho scoperto su alcuni giornali che un leghista non può essere omosessuale, vedo tanta omofobia a sinistra", ha ribadito a margine della conferenza stampa del centrodestra. "Vorrei sapere cosa ne pensa il signor Zan di alcuni giornali che si occupano di guardonismo domestico anziché occuparsi dei problemi del paese", dice.

Salvini ribadisce "la scelta personale di allontanarsi" dal partito di Morisi. "Mi spiace che alcuni giornali stiano facendo un’operazione indegna. Ribadisco la mia lotta eterna contro ogni tipo di droga, gli spacciatori sono tra i peggiori criminali e come tali vanno trattati, i consumatori di droga fanno del male a se stessi e vanno aiutati", aggiunge.

"E io sono arrabbiato con i miei colleghi parlamentari che anche in queste settimane parlano di legalizzare, coltivare in casa le droghe o spacciare anche in vicino alle scuole alcune droghe perché non fanno male. Le droghe fanno male, punto", dice Salvini.

Commentando la condanna di Mimmo Lucano, Salvini attacca: “Altro che dare la caccia agli omosessuali nella Lega, la sinistra in Calabria candida condannati a 13 anni di carcere!”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza