cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 23:40
Temi caldi

Roma

Nasce orto in affitto, imprenditrice 'bio' conquista i romani

03 luglio 2017 | 11.28
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Arianna Vulpiani negli orti Biofarm

Da consulente aziendale nel settore dell'edilizia a imprenditrice agricola, il passo non è stato proprio breve per Arianna Vulpiani, 40 anni, romana, titolare di "Biofarm-orto", una innovativa formula di orto in affitto a km zero. Vulpiani ha aperto la sua azienda sulla via Tiberina alle porte di Roma su un terreno di circa 3 ettari, nessun fabbricato vi insiste ma solo orti biologici, a uso e consumo di chi li noleggia per una o più stagioni. L'imprenditrice si occupa di coltivare gli ortaggi, lavorare la terra con il suo staff di agronomi e agricoltori, mentre gli 'ortisti', come Vulpiani chiama i suoi clienti, in prevalenza famiglie ma anche coppie e single, raccolgono le verdure che poi mangeranno a casa.

Il messaggio è questo: "Prenota un orto, io te lo coltivo e tu vieni a raccogliere i tuoi prodotti". Ma come è nata l'idea? "L'idea nasce da un'esigenza che ho riscontrato chiacchierando con alcuni amici che, vivendo in città, non possono avere un orto in casa e non riescono a trovare cibi sicuri, provenienti da una filiera certa" racconta all'Adnkronos Arianna Vulpiani. Il progetto quindi nasce da un discorso di sana alimentazione.

Il nuovo business, autofinanziato, è partito ora, con l'arrivo della stagione estiva e può contare già su una cinquantina di orti di varie dimensioni: grande, per il fabbisogno di quattro persone, piccolo per il fabbisogno di una o due persone con un bambino; la media è di 100 metri quadrati ad appezzamento.

Gli orti sono stati affittati da famiglie ma anche da ristoranti, riviste di cucina e addirittura asili nido con i quali diventerà anche orto didattico con i bambini che verranno a raccogliere i pomodori piuttosto che le zucchine. La particolarità dell'iniziativa infatti, è che 'l'ortista' si reca un paio di volte a settimana sul campo a raccogliere la verdura.

"Non facciamo consegne, e non per pigrizia - spiega Vulpiani - sinceramente ho perso molti clienti per questo motivo, ma non volevo diventare un 'supermercato'. E' importante il contatto con la natura e anche con le stagioni, perché l'abbiamo un po' perso. Questo progetto è nato per chi crede nella natura e nell'alimentazione, però non può avere l'orto per mancanza di spazio, di tempo e anche perché magari non ha il pollice verde".

L'orto estivo andrà in produzione fino a ottobre e la risposta è stata importante. "La fascia di persone che ha apprezzato il progetto è rappresentata principalmente da professionisti - spiega Vulpiani - tra i miei 'ortisti' ci sono un avvocato, un primario di ospedale, una wedding planner, una stilista, un veterinario, un omeopata. Molte tipologie di persone che lavorano e non hanno molto tempo, e tuttavia lo trovano per venire a vedere come cresce il proprio orto e a raccogliere zucchine, melanzane, fagiolini, pomodori, solo per fare qualche esempio".

Una sfida che la giovane imprenditrice intende replicare altrove in altre zone di Roma e addirittura in altre città come Milano, Firenze e Perugia. In prospettiva, molte le iniziative alla Biofarm-Orto di Roma che aderisce a Confagricoltura. Tra le varie, a breve, l'attivazione di corsi per la conservazione degli ortaggi che saranno condotti da food blogger, per imparare a cucinare cibi sani mantenendo il più possibile inalterati i valori nutritivi.

Il progetto degli orti biologici in affitto impone il contributo di un agrotecnico. "Adoperiamo totalmente metodi naturali, di lotta biologica con i quali riusciamo a contenere attacchi di ogni tipo, - afferma Carlo Aiello, agrotecnico di 'Biofarm' - come ad esempio la peronospera sui pomodori, nonostante quest'anno tutto venga amplificato dalla siccità. Dunque, non c'è alcun problema di residui sui frutti,- prosegue Aiello - utilizziamo pratiche agronomiche come l'arieggiamento, insetti predatori come le coccinelle e le alghe che aiutano a superare momenti di stress e sono repellenti naturali per molti insetti". Insomma, un orto davvero naturale al 100%.

"Portare in tavola qualcosa prodotto e raccolto con le proprie mani dà una soddisfazione difficile da descrivere - conclude Vulpuani- Il mio sogno è quello di creare una community che attraverso l'App scaricabile sui propri smartphone possa restare in contatto con me e con tutta la Farm".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza