cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Palamara: "Ricorrerò alla Corte europea dei diritti dell'uomo"

09 ottobre 2020 | 16.53
LETTURA: 1 minuti

"Porto e porterò sempre la toga nel cuore. Sistema obsoleto e superato, ho pagato per tutti"

alternate text

"Ricorrerò alle sezioni unite della Cassazione e alla Corte europea dei diritti dell'uomo". Lo ha annunciato in conferenza stampa, presso la sede del Partito Radicale, Luca Palamara, dopo la sentenza della sezione disciplinare del Csm che lo ha radiato dalla magistratura.

"Porto e porterò sempre la toga nel cuore" le parole di Palamara.

"Ventitré anni di carriera, ispirati all'autonomia e indipendenza della magistratura, sono stati messi in discussione per una cena" ha affermato. "Non ho mai fatto accordi con parlamentari perché un ipotetico procuratore della Repubblica potesse accomodare qualche processo per favorire qualcuno - ha detto in conferenza stampa - Non ho mai barattato la mia funzione per fare un favore al politico di turno".

"Posso dire oggi di avere pagato io per tutti, per un sistema che non funzionava che nei fatti si è dimostrato un sistema obsoleto e superato" ha sottolineato Palamara, aggiungendo: "Non voglio assumere il ruolo della vittima ma neanche abbattermi, il mio impegno è per affermare la verità dei fatti".

"Il sistema delle correnti non l'ho inventato io - ha scandito - domina la magistratura da 40 anni, e ha avuto fautori e sostenitori da una parte, ma anche voci critiche e dissonanti verso un sistema che indubbiamente ha penalizzato i non iscritti e i non aderenti".

Poi, riferendosi all'inchiesta penale a suo carico: "Ho rispetto per gli accertamenti che sono stati svolti dagli inquirenti a Perugia, in quella sede mi difenderò e continuerò a difendermi da quelle che sono le residue accuse che mi riguardano".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza