cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 20:36
Temi caldi

Papa Francesco: "Quante nuove schiavitù in nome di una falsa libertà"

10 settembre 2016 | 10.46
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp)

"Quante nuove schiavitù in nome di una falsa libertà". Papa Francesco, celebrando l'udienza giubilare in piazza San Pietro mette in guardia: "L'uomo di oggi si illude della propria libertà come forza per ottenere tutto. Si vanta di questo, anche, ma in realtà non è così: quante illusioni vendute sotto il pretesto della libertà e quante nuove schiavitù ai nostri giorni in nome di una falsa libertà! Eh, quanti schiavi", si rammarica ricorrendo ad un esempio: 'Io prendo la droga perché sono libero'. "No - avverte Bergoglio - questi sono schiavi in nome della libertà. Tutti noi abbiamo visto persone del genere che alla fine finiscono per terra". Da qui il monito del Papa: "Abbiamo bisogno che Dio ci liberi da ogni forma di indifferenza, egoismo e autosufficienza".

Il Papa ricorda che "nelle angustie e nelle persecuzioni, come nei dolori quotidiani, siamo sempre liberati dalla mano misericordiosa di Dio che ci conduce ad una vita nuova. Dio ha una grande tenerezza, un grande amore per i più deboli, per gli scartati della società. Più noi siamo nel bisogno, più il suo sguardo su di noi si riempie di misericordia. Egli conosce i nostri peccati e ci perdona. Perdona sempre, è tanto buono il nostro Padre".

Da qui il richiamo alla piazza di fedeli e pellegrini arrivati da tutto il mondo per la speciale udienza giubilare affinché sia accolta "la sua grazia perché con il Signore è la misericordia e grande è con lui la redenzione". Il Papa, come sua consuetudine, chiama in causa la piazza: "Avete ascoltato bene?" E fa ripetere ai fedeli la frase due volte.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza