cerca CERCA
Domenica 04 Dicembre 2022
Aggiornato: 01:11
Temi caldi

2 giugno: parata militare, la prima nel 1948 ma più volte è stata sospesa

02 giugno 2015 | 16.28
LETTURA: 3 minuti

Ripristinata definitivamente nel 2000 dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi

alternate text

La storia della parata militare ai Fori Imperiali di Roma parte dal 1948, due anni dopo la vittoria della Repubblica sulla Monarchia al referendum istituzionale del 2 giugno del 1946 e nell'anno di entrata in vigore della nostra Costituzione. La prima sfilata è in realtà uno schieramento dei reparti in piazza Venezia, davanti all'Altare della Patria, per rendere omaggio al primo Presidente della Repubblica italiana, Giulio Einaudi, che assume anche il comando delle Forze Armate.

L'anno successivo, si svolge nell'allora piazzale Romolo e Remo, oggi dedicato alla figura del politico repubblicano Ugo La Malfa, in occasione dell'inaugurazione sul colle Aventino, di fronte al Circo Massimo, del monumento a Giuseppe Mazzini, per un collegamento ideale tra il Risorgimento che realizzò l'Unità d'Italia e la Resistenza che segnò la fine del fascismo e, dopo il referendum, la nascita della Repubblica. A partire dal 1950, la parata militare si svolge ai Fori Imperiali.

Negli anni successivi ci sono però diverse eccezioni: nel 1961 la sfilata si svolge a Torino nel centenario dell'Unità d'Italia di cui fu la prima capitale; nel 1965 viene spostata dal 2 giugno al 4 novembre, Festa delle Forze Armate, a causa della morte di Papa Giovanni XXIII. Poi, nel 1976 è sospesa in segno di lutto per il terremoto che colpisce il Friuli; nel 1977 limitata a una cerimonia in piazza Venezia e dal 1978 cancellata per il contenimento della spesa pubblica: è il periodo della 'austerity'.

Nel 1983 si svolge una cerimonia a Porta San Paolo, in ricordo della Resistenza contro l'occupazione nazista di Roma, dopo l'annuncio dell'armistizio l'8 settembre del 1943. L'anno successivo torna la sfilata ai Fori Imperiali ma nel 1985 viene trasferita davanti alle Terme di Caracalla e nel 1989 sostituita da una mostra storica a Villa Borghese. Tra il 1990 e il 1994 soltanto cerimonie all'Altare della Patria.

Poi, più nulla, fino a quando nel 2000, per volere del Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi, la parata militare ai Fori imperiali torna a essere l'evento centrale della Festa della Repubblica. E lo è ancora oggi, con tutte le alte cariche istituzionali e i rappresentanti del governo in tribuna d'onore e migliaia di cittadini e di turisti sugli spalti e dietro le transenne ad applaudire corazzieri e alpini, crocerossine e bersaglieri, parà e marò, poliziotti e carabinieri, marinai e piloti, militari e civili, fino al passaggio delle frecce tricolori.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza