cerca CERCA
Venerdì 24 Settembre 2021
Aggiornato: 03:00
Temi caldi

Pd: Verini a minoranza, dissenso non può significare anarchia

13 dicembre 2014 | 17.43
LETTURA: 3 minuti

''Se non c'è un Pd all'altezza, è più difficile cambiare il Paese. C'è bisogno di un partito che dia spazio a chi vuol far politica per passione e non per perseguire carriere e interessi personali...''. Walter Verini prende spunto dall'inchiesta 'Mafia Capitale' per invitare il partito a cambiare pelle, mettendo alle spalle le divisioni interne che lo stanno logorando in questi giorni su temi delicati come le riforme. Il deputato Dem non ha dubbi: ''Dobbiamo smantellare i correntismi, i capi bastone, non si può passare il tempo in molti regioni a litigare su tesseramenti o primarie trasformate in regolamento di conti, che sono argomenti lontani anni luce dal sentire dei cittadini...''.

Verini si rivolge alla minoranza interna: ''Non cadiamo in quel clima da scomunica che appartiene a un vecchio modo di far politica e ci fa solo del male''. Va bene il ''dissenso, ma non può significare anarchia. Il dibattito interno, anche acceso -spiega all'Adnkronos- è fisiologico, ma quando sento la minoranza dire che non può votare questo o quello, come è successo per il jobs act, perchè è contrario ai valori della sinistra, è davvero inaccettabile. Il primo passo è riconoscere che il lavoro del governo Renzi è un lavoro che ha una forte connotazione di sinistra riformista. Poi si può, anzi, si deve sviluppare una dialettica interna, anche dai toni accesi, ma sana, non da scomunica'', perchè, avverte, il capogruppo Dem in commissione Giustizia di Montecitorio, ''con gli anatemi non si va da nessuna parte''.

Una volta fatto questo primo passo, insiste Verini, ''si discute liberamente, senza diktat da parte di nessuno, e si vota. Poi quando la maggioranza decide, ci si attiene a questa decisione, come si fa in ogni partito serio. Questo è l'abc... Il governo Renzi sta cercando di cambiare il paese e lo sta facendo con le tante riforme messe in campo, dalla giustizia al mercato del lavoro. Ma mentre facciamo questo, con spirito di reciproco rispetto, dobbiamo anche concentrarci per cambiare radicalmente il partito, perchè senza un Pd all'altezza, lo ripeto ancora volta, non si può rinnovare il Paese''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza