cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Piemonte verso zona rossa, sospesi ricoveri no covid e ambulatori

10 marzo 2021 | 20.24
LETTURA: 1 minuti

Regione: "Occupazione delle terapie intensive al 36%"

alternate text
(Fotogramma)

La curva dei contagi da coronavirus in Piemonte, determinata anche dal dilagare delle varianti, fa impennare i ricoveri dei pazienti Covid tanto da imporre uno stop ai ricoveri di pazienti con altre patologie. A dare il segno della sofferenza degli ospedali era stata la richiesta di un'immediata istituzione della zona rossa per la regione lanciata oggi proprio dai medici. 

Leggi anche

Poche ore dopo, la disposizione inviata a tutte le aziende sanitarie del Piemonte dall’Unità di Crisi della Regione, di sospendere temporaneamente i ricoveri no Covid, escluse le urgenze, i ricoveri oncologici e quelli in cosiddetta fascia 'A', cioè da effettuare entro 30 giorni. Differite anche tutte le attività ambulatoriali, ad eccezione di quelle contrassegnate con codice 'U', cioè urgenti, da garantire entro 72 ore e 'B', da assicurare entro i entro 10 giorni. Esclusi dal provvedimento anche gli screening oncologici. A darne notizia una nota della Regione.

A fronte dell'incremento dei ricoveri di pazienti positivi al Covid 19, rende noto la Regione, il Dirmei ha chiesto alle Aziende sanitarie di incrementare di almeno il 20% i posti letto di terapia intensiva dedicati ai pazienti Covid. L'occupazione delle terapie intensive è, infatti, arrivata a un tasso del 36%. 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza