cerca CERCA
Martedì 07 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:52
Temi caldi

Cinema: Pordenone in giallo con lo 'Sherlock Holmes' del 1916

07 ottobre 2015 | 18.11
LETTURA: 4 minuti

alternate text
William Gillette nel ruolo di Sherlock Holmes (Foto da Wikipedia) - Wikipedia.org

Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone si accendono di giallo con la presentazione, domani, della copia restaurata di 'Sherlock Holmes' di Arthur Berthelet del 1916, considerato perduto fino all’anno scorso. L’importanza di questa versione sta nell’interpretazione di William Gillette, che incarnava il ruolo del detective a teatro sin dal 1899. A lui si deve anche la caratterizzazione del personaggio come è arrivata fino a noi, con la pipa di radica perennemente in bocca e il tipico berretto da cacciatore di cervi sul capo. Le Giornate del Cinema Muto di Pordenone prevedono domani la presentazione in anteprima nazionale dei primi minuti di 'Prologue', nuovo corto di Richard Williams, (premio Oscar per gli effetti speciali di 'Chi ha incastrato Roger Rabbit'), una storia ambientata all’epoca della guerra tra Sparta ed Atene, 2.400 anni fa. Nel film il viso di una bambina, ripreso nell'atto di guardare i guerrieri durante un duello all’ultimo sangue, esprime i sentimenti di sgomento e terrore per l’orrore cui assiste. Williams, autore dei disegni, ha portato l’animazione tradizionale a vette difficilmente eguagliabili, per raffinatezza e impatto visivo. "Sono tornato indietro al 1900 - ha evidenziato Williams - e ho disegnato ogni singola inquadratura su un diverso foglio di carta. Poi è stato tutto rifinito con la tecnologia più avanzata. Per creare questi primi minuti ci sono voluti più di seimila complessi disegni dal vero".

Per la serie 'Muscoli italiani in Germania', Carlo Aldini è Achille nel film di Manfred Noa 'Helena - La caduta di Troia', del 1924, adattamento dell’Iliade per un film in due parti, con una struttura simile ai 'Nibelunghi' di Fritz Lang. La prima parte, 'Il ratto di Elena', ci mostra il sogno di Paride, la sua fuga con Elena, Achille vittorioso nella corsa dei carri, la lotta di Ettore con un leone e Menelao che guida i greci contro Troia. La seconda parte, 'La caduta di Troia', descrive l'interminabile conflitto da una prospettiva visibilmente ispirata all’esperienza tedesca nella Grande Guerra. Manfred Noa si dimostra regista molto dotato per come gira le spettacolari scene di battaglia, per il sontuoso decor e la magnifica fotografia. Doti che non impedirono che il suo nome venisse cancellato durante il nazismo a causa della sua origine ebraica.

Il festival propone una parte dedicata a Bert Williams, la più importante personalità afroamericana dello spettacolo dei primi due decenni del secolo scorso, con il film di montaggio 'Lime Kiln Club Field Day', un precoce esempio di cinema razziale. Due sono gli aspetti che determinano l’importanza di questo documento: da un lato il linguaggio del corpo, con numeri di ballo che anticipano le danze jazz, il soul e l’hip hop, dall’altro la storia d’amore. Con Bert Williams, Odessa Warren Grey forma una coppia di grande sensualità, è interessante confrontare il loro bacio con quello che conclude 'La febbre dell’oro' di Chaplin nella versione originale del 1925.

Il programma prosegue con 'Altre sinfonie delle città', portandoci a Liverpool, Praga e a Porto, con l’esordio cinematografico del padre del cinema portoghese, Manoel de Oliveira. Fino al Messico del periodo successivo alla Rivoluzione quando dominante era l’esigenza di dare un’immagine positiva del paese. Completano il quadro degli appuntamenti le due commedie della sezione Risate russe, 'Un grosso guaio' di Aleksei Popov, del 1930, e 'L’impiegato statale' di Ivan Petrov, del 1931, con quel Maksim Shtraukh che presto sarebbe diventato uno dei più famosi Lenin dello schermo (lo interpretò in ben cinque film). Qui invece è Apollon Fokin, un umile cassiere rispettoso della legge, che lavora con scrupolo e onestà per le alte sfere del Soviet, finché un giorno, mentre ha con sé una grossa somma di denaro pubblico, è assalito da un malvivente: un evento che cambierà per sempre la sua vita.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza