cerca CERCA
Domenica 26 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Riforme: oltre cento senatori contro lavori aula 'incerti' e ingerenze Renzi

01 agosto 2014 | 20.10
LETTURA: 2 minuti

"Al di là delle differenti posizioni e punti di vista sulla riforma della nostra Carta fondamentale, i lavori di quella che dovrebbe essere una Costituente hanno perso la sensibilità istituzionale,il rispetto reciproco e della dignità individuale che sono alla base di un compito così solenne". E' quanto si legge in un documento-denuncia firmato da un centinaio di senatori in merito ai lavori dell'aula sul ddl riforme, primi firmatari Augusto Minzolini (Fi), Mario Mauro (Pi), Loredana De Petris (Sel), Gian Marco Centinaio (Lega). Il documento è firmato anche da molti senatori M5S.

"La conduzione così incerta e contraddittoria -si legge nel documento- dei lavori d'Aula, le continue ingerenze del governo, il ripetersi di esternazioni - se non di provocazioni - che lo stesso presidente del Consiglio continua a manifestare attraverso i media, rischiano di compromettere irrimediabilmente la possibilità che la democrazia, presupposto fondamentale e irrinunciabile del confronto parlamentare, sia garantita e con essa il rispetto che i senatori devono ai cittadini di cui sono i rappresentanti".

"Rischiamo -prosegue il testo- di consegnare ai libri di Storia una parodia, una caricatura di quello che dovrebbe essere il momento più alto per chi rappresenta un popolo. Non si possono decidere le regole di convivenza di una Nazione, violando sistematicamente le regole parlamentari. Da un orrore istituzionale non può nascere una Costituzione. Evitiamo che un onore come è quello a cui siamo stati chiamati, venga calpestato in danno di tutte quelle conquiste che tanti sacrifici sono costati agli italiani".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza