cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 22:16
Temi caldi

Salone Libro, Appendino: "Consulenza contro la mia volontà"

19 giugno 2019 | 13.21
LETTURA: 2 minuti

La sindaca di Torino è stata sentita dai pubblici ministeri nell’ambito delle indagini per l'incarico a Pasquaretta

alternate text
(Fotogramma)

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, è stata sentita questa mattina in procura a Torino nell’ambito delle indagini per la consulenza affidata al suo ex portavoce, Luca Pasquaretta, dalla Fondazione per il libro. A darne notizia è la stessa sindaca, che nei giorni scorsi aveva ricevuto un avviso di garanzia, in una nota. "Questa mattina sono stata sentita dai pubblici ministeri che mi hanno chiesto spiegazioni in merito alla consulenza affidata nel 2017 al Salone del Libro al mio ex capo ufficio stampa per l'importo di 5mila euro (poi dal medesimo restituiti). Non sono entrata ovviamente nelle questioni di legittimità della consulenza - sottolinea Appendino - ma ho potuto dimostrare agli inquirenti, richiamando il mio intervento in Consiglio del febbraio 2017, che avevo chiaramente espresso la mia contrarietà a qualunque tipo di assegnazione di incarico consulenziale con retribuzione economica, di non essere stata a conoscenza del successivo sviluppo".

"Ero convinta che tutti avessero preso atto di tale mia ferma posizione - prosegue - e quando invece il 4 maggio 2018, e cioè un anno dopo la fine dell'incarico, venni a sapere da una testata giornalistica che la consulenza era stata assegnata, immediatamente reagii lamentando l'assegnazione dell'incarico contro la mia volontà e a mia insaputa. A tal fine, ho prodotto ai pm materiale attestante quanto da me riferito", conclude Appendino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza