cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 12:42
Temi caldi

Salvini apre a Berlusconi: “Dialogo possibile”. Alfano: “Governo non è monocolore Pd”

26 maggio 2014 | 09.29
LETTURA: 4 minuti

Lega quarta forza con il 6,16%, Forza Italia al 16,82%, Ncd-Udc al 4,38%. L’ex premier: “Siamo opposizione intransigente ma responsabile”. Il ministro dell’Interno: “Gran bel risultato”. Fratelli d’Italia si ferma al 3,66%, Meloni: “Non nascondo il rammarico”

alternate text
(Infophoto)

Reduce dal 6,16% del voto europeo, il Carroccio festeggia (“Lega vivissima, straordinario’’, twitta Maroni) e guarda al centrodestra per eventuali alleanze. In particolare a FI, terzo partito del Paese con il 16,82%. Ma Berlusconi pensa alle riforme e Alfano rivendica il ruolo di Ncd al governo.

Mano tesa all’ex premier - “Offro a Silvio Berlusconi la possibilità di ricominciare un dialogo già da domani mattina”, afferma il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, durante la conferenza stampa nella sede del Carroccio in via Bellerio a Milano. “Se il centrodestra vuole fare il centrodestra ci siamo, se no andiamo anche avanti da soli”, dichiara. Poi invita Berlusconi ad “andare insieme in Piazza Duomo a firmare i 6 referendum proposti dalla Lega”.

Quindi avverte Fi e Ncd: “Se Marine Le Pen stravince in Francia e invece Berlusconi e Alfano hanno problemi in Italia vuol dire che sbagliano ad allinearsi con la Merkel”. Sul fronte europeo, Salvini ribadisce che “l’accordo tra la Lega e Marine Le Pen è chiaro” e “martedì avrò un incontro con la Le Pen”.

Fi tiene solo al Sud con il 22,2%, calo al Centro e tracollo nel Nordest - Se la Lega festeggia Forza Italia deve fare i conti con il forte calo registrato al Nord, da sempre roccaforte berlusconiana. Il partito dell’ex premier tiene solo al Sud. Secondo in dati ufficiali, infatti, con il 16,8% a livello nazionale, gli azzurri ottengono la percentuale più alta nell’Italia meridionale, il 22,2%, e il capolista Raffaele Fitto si consolida ‘mister preferenze’ con circa 283mila voti. Forza Italia delude al Centro, dove si ferma al 14,7%, mentre nel Nord-Ovest ottiene il 16,2 (Giovanni Toti incassa 148mila preferenze). Nel Nord-Est si tratta di un vero e proprio tracollo con il 12,9 per cento.

Nel pomeriggio l’intervento dell’ex premier Silvio Berlusconi che a proposito del risultato elettorale dice: “Forza Italia ha avuto un risultato inferiore alle mie attese ma si conferma il perno insostituibile del centrodestra, l’asse attorno al quale ricostruire una coalizione in grado di contendere con successo alla sinistra la vittoria alle elezioni politiche”. Il leader di Fi detta la linea: “Noi non cambiamo il nostro atteggiamento: siamo opposizione intransigente ma responsabile, siamo al tempo stesso i partner decisivi, senza i quali in Parlamento non ci sono numeri per fare riforme vere, definitive e durature per il bene del Paese”.

Alfano: “Affrontato tempesta: tsunami non ci ha travolto” - Ncd-Udc esce dalla competizione con il 4,38%. “Affrontato tempesta: tsunami non ci ha travolto”, scrive su twitter il leader di Ncd Angelino Alfano. Poi, in conferenza stampa, osserva: “Alle condizioni date, il Nuovo centrodestra ha registrato un gran bel risultato. Rivendichiamo con chiarezza e orgoglio di aver salvato l’Italia dal baratro”. Quindi conferma il sostegno al governo: “Abbiamo sostenuto questo governo. Siamo contenti che gli italiani abbiano premiato la governabilità”. Ma a Renzi dice: “Abbia chiaro che il suo governo non è un monocolore Pd”. Poi si rivolge a Fi: “Quando avranno chiaro che cosa è successo, aspetto che mi facciano un colpo di telefono...”. Il ministro dell’Interno indica infine il prossimo futuro politico: “Siamo pronti ad avviare insieme agli amici dell’Udc un grande progetto di riunificazione con i moderati”.

Fratelli d’Italia si ferma al 3,66% - “Non nascondo il rammarico per il risultato di queste elezioni europee in cui il nostro obiettivo era quello di superare la soglia di sbarramento che invece abbiamo ‘lisciato’ per uno 0,3%”, dice Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale in una conferenza stampa convocata nella sede del partito per un commento sul verdetto delle urne. “Non nego la delusione - prosegue - ma non posso non tener conto che in numeri assoluti è un buon risultato visto che in un anno abbiamo raddoppiato i consensi, con un incremento di 360mila voti pur in presenza di un forte calo della partecipazione al voto. Prendere più di un milione di voti in un momento in cui il centrodestra non va bene è un risultato di tutto rispetto”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza