cerca CERCA
Giovedì 07 Luglio 2022
Aggiornato: 08:44
Temi caldi

Governo, Conte: "Appoggio finché potremo portare avanti battaglie"

22 giugno 2022 | 12.45
LETTURA: 3 minuti

Il leader pentastellato oggi al vertice con i big: "Scissione fine del Movimento? Non scherziamo"

alternate text
Fotogramma

"Ho detto più volte pubblicamente: questo Governo è nato grazie a noi. Qualcuno forse se lo sta dimenticando. Continua con noi e continuerà con il nostro appoggio sino a quando potremo continuare a portare avanti le nostre battaglie". Così Giuseppe Conte ai gruppi M5S, riuniti stasera in assemblea. La congiunta dei gruppi di Camera e Senato, la prima dopo la scissione di Luigi Di Maio, si è aperta con una standing ovation e un lungo applauso al leader pentastellato.

Leggi anche

"Non siamo più la prima forza in Parlamento? Si illudono se pensano che avremo meno forza nelle nostre battaglie", ha detto Conte, aggiungendo: "Non è importante il numero ma la coesione". "Ci sono nuovi numeri che sostengono il Governo con il gruppo fondato da Luigi e i nostri amici? Benissimo, vorrà dire che avremo più tranquillità di portare avanti le nostre battaglie senza sentire il peso del ricatto di far eventualmente cadere l'emisfero occidentale", ha detto, sottolineando: "Siamo una comunità forte". E sulla scissione ha ammonito: "Nessun rancore verso chi ha fatto parte della storia di questa comunità".

La scissione avviata ieri da Luigi Di Maio segna la fine del Movimento 5 Stelle? "I nostri principi e i nostri obiettivi non sono più validi? State scherzando?". Così il leader del Movimento 5S rispondeva stamani ai cronisti lasciando la sua abitazione per raggiungere la sede di Campo Marzio dove si sono riuniti poco dopo i vertici del M5S.

"M5S non più la prima forza in Parlamento? Il Movimento rimarrà sempre la prima forza politica ad occuparsi di giustizia sociale, transizione ecologica, digitale, beni comuni… Tutti temi che sono la ragione fondamentale del nostro servizio in politica", ha poi risposto una volta uscito dalla riunione. Per Conte la scissione "è un fatto di cui non va trascurato il rilievo politico perché c’è un nuovo gruppo. Ma noi rimaniamo forti con i nostri valori, i nostri ideali e il nostro progetto politico", assicura il leader M5S. "Le ragioni per cui i cittadini hanno votato il Movimento non sono venute meno e noi porteremo avanti quel mandato sino alla fine", sostiene. E a chi gli chiede se non sia arrivato il momento di lasciare la leadership del Movimento, Conte replica: " Per quale motivo?".

Il M5S uscirà dal governo? "Noi non abbiamo da chiarire ogni giorno quel che invece non è da noi mai messo in discussione. Questo vale per l’alleanza euro-atlantica e la collocazione europea", dice ancora ai cronisti. “Ho tenuto sempre la barra dritta, non posso accettare nessuna lezione. Non è messa in discussione nessuna nostra collocazione internazionale". E ancora: "Il sostegno a Draghi non è messo in discussione… Ieri siamo stati messi molto in difficoltà ma come vedete il nostro appoggio a questo governo non è stato in discussione".

Con Conte erano arrivati alla spicciolata alla riunione Paola Taverna, Stefano Patuanelli, Carlo Sibilia, Mariolina Castellone, Nunzia Catalfo. Altri 'big' erano collegati da remoto.

"L'appoggio al governo non è in discussione", ha detto il ministro e capodelegazione M5S al governo, Stefano Patuanelli, lasciando la sede del partito. A chi gli chiede se si aspettasse l'addio di Di Maio, "sì - ha risposto - era nell'aria".

Oggi alla Camera è stata formalizzata la nascita di 'Insieme per il Futuro', il nuovo Gruppo a cui ha dato vita Di Maio dopo l'addio al Movimento. Il presidente della Camera, Roberto Fico, in apertura di seduta ha annunciato la nascita della formazione, dando lettura dei deputati che hanno aderito.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza