cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 00:04
Temi caldi

Silvia Romano convertita? Ravasi cita Lettera a Ebrei: "Cristo pregò e fu salvato"

13 maggio 2020 | 18.29
LETTURA: 1 minuti

Nel giorno degli insulti alla cooperante italiana convertita all'Islam durante il lungo sequestro in Kenya, il cardinale su twitter posta un passo del Nuovo Testamento

alternate text

“Nei giorni della sua vita terrena Cristo offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito”. Il cardinale Gianfranco Ravasi cita un passaggio della Lettera agli Ebrei proprio nel giorno in cui si assiste ad una escalation di insulti e minacce a Silvia Romano, liberata dopo 18 mesi di prigionia, in relazione alla conversione all’Islam.

Solo due giorni fa, il ‘ministro’ della Cultura del Vaticano ricorreva a Voltaire per ricordare che “i calunniatori sono come il fuoco che annerisce il legno verde non potendo bruciarlo”. E ancora una ammonizione: “Evita chiacchiere vuote e perverse perché spingono sempre più nell'empietà”. Il porporato, va ricordato, non cita mai il caso della cooperante liberata ma queste ammonizioni sembrano molto utili come monito e per stemperare il clima di odio che si respira attorno a Silvia Romano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza