cerca CERCA
Martedì 25 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:12
Temi caldi

Scuola

Smartphone in classe: le regole

19 gennaio 2018 | 19.26
LETTURA: 2 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

Un decalogo che diventerà "elemento che noi forniamo alle scuole sapendo che ogni scuola rimane nella sua autonomia e ogni insegnante nella sua libertà didattica di insegnamento". Così la ministra all’Istruzione Valeria Fedeli a margine della presentazione del decalogo per l'uso dei dispositivi mobili a scuola, in occasione della tre giorni sull’innovazione tecnologica 'Futura' a Bologna

ALFABETIZZAZIONE - "Noi regoliamo l’insieme dell’utilizzo dei device sotto la responsabilità, e quindi sotto anche la scelta, della scuola e del docente, in rapporto ai genitori, perché credo che alfabetizzare all’utilizzo dei device l’insieme della società, in questo caso nel rapporto tra scuola e famiglia, sia molto importante, mai abbandonarle".

"Il tema non è che entra il cellulare in classe, che entra lo smartphone, non è mai stato questo - precisa Fedeli -. Quello che c’era scritto nella circolare del 2007 rimane, come il 'no' a qualunque utilizzo individuale, non sotto la responsabilità del docente, nelle ore scolastiche. Questo è il tema". Bisogna, aggiunge, "educare a tempi e modalità di contenuto nell’utilizzo dei device". Il digitale "aiuta la conoscenza e l’apprendimento solo se guidato da persone preparate e competenti e non lasciando i ragazzi da soli" sottolinea Fedeli.

RESPONSABILITA' - "Abbiamo una grande responsabilità, sapendo che questa straordinaria innovazione permette di trovare moltissime informazioni in rete che nessuno di noi ha mai avuto disposizione prima - continua - ma informazione non è automaticamente autorevolezza e certificazione delle fonti per cui sul web è possibile trovare tantissime fonti che si spacciano per scientifiche e non lo sono". I ragazzi, conclude Fedeli, "vanno accompagnati, è necessaria una nuova alfabetizzazione del digitale".

1) Accettare il cambiamento tecnologico

2) Dotarsi di un regolamento

3) Utilizzare il wi-fi

4) Condividere la sperimentazione

5) Chiarire cosa si può fare e cosa no

6) Disabilitare le notifiche

7) E' il docente che decide come usarli

8) Solo per uso didattico

9) Spiegare alle famiglie i motivi

10) Educare a un utilizzo etico

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza