Home . Soldi . Economia . Banca Imi, ecco il 'team dell'anno'

Banca Imi, ecco il 'team dell'anno'

ECONOMIA
Banca Imi, ecco il 'team dell'anno'

Una squadra di giovani legali altamente specializzati nel business dell'investment banking e particolarmente attiva in numerose attività per terze parti. E' la struttura General Counsel di Banca Imi, banca di investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, premiata come 'team dell’anno' agli Inhousecommunity Awards 2018, nel settore 'Banche e Finanza' (VIDEO).


Guidata da Laura Segni, general counsel di Banca Imi, la squadra è composta da una trentina di giovani di età media di 35 anni, operanti nelle tre sedi di Milano, Londra e New York: "La sua peculiarità -spiega Segni- è quella di essere un gruppo di persone altamente specializzate per le attività che svolgono, di supporto all'investment banking e all’operatività con la clientela corporate". Questo "le rende complementari l'una all'altra all'interno di un gruppo come quello di Intesa Sanpaolo".

Tra le motivazioni alla base del riconoscimento, "la vicinanza al business, con una presenza ai tavoli di negoziazione delle operazioni e il fatto che l'attività del team determini un apporto concreto ai risultati di Banca Imi e del corporate in generale".

L'attività del team, rimodulata in occasione della riorganizzazione societaria di inizio anno, è stata definita da molti operatori 'una mossa strategica vincente': "Credo -rileva la responsabile del team- che la forza di un gruppo stia nella capacità di riconoscere gli uni agli altri le capacità di ciascuno. Noi, ad esempio, siamo tutti diversi l’uno dall’altro, anche per quello che concerne le nostre conoscenze e la nostra specializzazione". E dunque, "siamo tutti dei legali, ma ciascuno con una storia molto specifica; lavorare insieme ci permette di mettere a fattor comune le nostre capacità di collaborare in maniera fruttuosa per il business".

Tutto ciò si traduce in un valore aggiunto, tanto per le strutture interne a Intesa Sanpaolo, quanto per le imprese che si affidano all'istituto: "Se in passato la funzione del legale interno dell’attività bancaria tradizionale era quella di risolvere i problemi una volta che questi sorgevano -avverte Segni- oggi la regolamentazione dei mercati finanziari è tale per cui per strutturare un’operazione, il legale di business è coinvolto dal primo momento nell’ideazione dell’operazione stessa".

"Noi -prosegue- lavoriamo a fianco del business dal primo momento dell’operazione e supportiamo tutte quante le attività di investment banking, quindi sia lato mercati che lato corporate finance per le grandi imprese di Intesa Sanpaolo che sono portafogliate sulla divisione corporate e, da qualche mese, anche per tutte le piccole e medie imprese che sono invece portafogliate sulla divisione banca dei territori. Un mercato nel quale Intesa Sanpaolo crede molto e al quale vuole offrire servizi di consulenza e di investment banking che vadano oltre il semplice finanziamento".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.