Cerca

Fca, da ottobre rientro al lavoro per tutti dipendenti polo Torino

ECONOMIA
Fca, da ottobre rientro al lavoro per tutti dipendenti polo Torino

(Fotogramma)

Grazie ai molteplici investimenti sull’elettrificazione, si chiudono gli ammortizzatori sociali nel Polo produttivo torinese rappresentato dagli stabilimenti di Mirafiori e Grugliasco. A fine settembre, infatti, i due Plant cesseranno di utilizzare il contratto di solidarietà con il conseguente rientro al lavoro di tutti i dipendenti del Polo. E’ quanto si apprende negli ambienti industriali vicini all’azienda.


Inoltre, per far fronte alle necessità legate al lancio dei nuovi modelli full electric (500 e Ducato) e Maserati, a partire dalla Ghibli Hybrid attualmente in fase di lancio, saranno assunti altri 20 apprendisti per profili specializzati (team leader, conduttore impianti automatici e manutentore) che andranno ad aggiungersi ai 50 già in fase di inserimento. Saranno assunti inoltre 8 giovani ingegneri per ruoli tecnico specialistici legati al lancio dei prodotti elettrici.

Nello stesso tempo, prosegue, nel complesso di Mirafiori, la messa a regime dei macchinari e l'inserimento di personale necessario per la produzione di mascherine chirurgiche. Si tratta di una attività realizzata nell’ambito delle iniziative promosse dalle autorità governative nella lotta contro il coronavirus e per la quale è previsto l'utilizzo degli impianti per tre turni di lavoro al giorno.

Da fonti aziendali trapela che la chiusura a fine settembre degli ammortizzatori sociali nel Polo produttivo di Torino sono l’ulteriore tassello di un ampio programma di valorizzazione e investimenti previsti nel comprensorio di Mirafiori che trovano ulteriori esempi concreti nell’impianto di Solar Power Production Units con pannelli fotovoltaici, nel centro di assemblaggio di batterie (Battery Hub) e nel progetto pilota Vehicle-to-Grid inaugurato nei giorni scorsi. Le fonti osservano, inoltre, come, nell'insieme, si tratti di azioni che confermano che per Fca il Polo produttivo di Torino ha un ruolo guida a livello europeo sul fronte dello sviluppo dell'elettrificazione non solo sui nuovi prodotti ma anche sull’ecosistema che li circonda.

PATUANELLI - ''C'è una grande attenzione del governo sul piano industriale da più 5 mld in Italia e c'è attenzione a garantire a che i fornitori che oggi garantiscono le componentistiche per il gruppo Fca non solo possano continuare a farlo ma abbiano l'opportunità di crescita grazie alla crescita del gruppo'' dice il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, intervenendo al question time della Camera.

Patuanelli sottolinea poi che ''il combinato disposto dei progetti sulla produzione di batterie e sul progetto V2G consentiranno nuove assunzioni di apprendisti, ingegneri e progettisti nelle prossime settimane''.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.