Cerca
Home . Soldi . .

Inps: Bilancio sociale 2013, in aumento spesa welfare integrativo

Inps: Bilancio sociale 2013, in aumento spesa welfare integrativo

Nel 2013 la spesa Inps per le prestazioni di welfare integrativo, finanziata con il gettito contributivo e con le somme rimborsate dai beneficiari delle prestazioni creditizie, è stata pari a circa 2 miliardi di euro, con una crescita di circa 146 milioni (+7,5%) rispetto al 2012. E' quanto si legge nel Bilancio sociale 2013 dell'Inps, presentato oggi a Roma.


A seguito della confluenza dell'ex Ipost e dell'ex Inpdap, l'Inps ha affiancato alle proprie prestazioni istituzionali anche quelle relative al welfare integrativo dei dipendenti e pensionati pubblici, di quelli delle Poste Italiane spa e di quelli iscritti all'ex Enam, finanziato solo con la contribuzione obbligatoria a carico dei lavoratori dipendenti iscritti e con quella volontaria a carico dei pensionati. Le prestazioni di welfare integrativo offerte dall'Istituto comprendono quelle creditizie, cioè prestiti e mutui a tassi agevolati e servizi di supporto per l'educazione dei giovani e per l'assistenza agli anziani.

La prestazione creditizia più diffusa continua ad essere l'erogazione dei cosiddetti piccoli prestiti, con una spesa di oltre 863 milioni di euro, in aumento del 18% rispetto al 2012. In considerazione del progressivo invecchiamento della popolazione, rivestono particolare importanza le prestazioni sociali a favore degli anziani dirette a sostenere gli stessi nei momenti di difficoltà o di non autosufficienza. Complessivamente, la consistenza finanziaria degli interventi per gli anziani ha visto un incremento del 103,06% rispetto all'anno precedente, mentre la platea degli interessati è aumentata del 286,4%.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.