cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 11:45
Temi caldi

Molestie

'Sorry' non basta, Hollywood condanna Kevin Spacey

30 ottobre 2017 | 13.23
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Xinhua)

"Non va bene. Non va bene per niente". Hollywood boccia Kevin Spacey. Il mix tra coming out e scuse per le presunte molestie sessuali a Anthony Rapp non funziona. Spacey, 58 anni e una carriera da favola alle spalle, ha cercato di uscire dall'angolo dopo la denuncia del giovane collega, che ha fatto riferimento ad un approccio disgustoso subìto nel 1986, quando era appena 14enne. "Se mi sono comportato come dice, gli devo le mie più sentite scuse per quello che deve essere stato un comportamento profondamente inappropriato da ubriaco", ha detto Spacey in un comunicato in cui ha fatto coming out: "Per tutta la vita ho avuto incontri romantici con gli uomini e ora ho deciso di vivere la vita come gay".

Ad Hollywood, però, gli equilibrismi verbali non sono piaciuti affatto in un momento in cui lo star system deve fare i conti con il terremoto Weinstein. E non è un caso che a puntare il dito contro Spacey sia stata, tra i primi, Rose McGowan, attrice che ha denunciato di essere stata molestata dal potentissimo Weinstein. "Gay = Gay. Predatore = Predatore", ha scritto in un cinguettio. "Bye bye, Spacey goodbye. E' il tuo turno di piangere, ecco perché dobbiamo dire goodbye", ha twittato ancora l'attrice, che si è rivolta anche ai "cari media: rimanete concentrati su Anthony Rapp: siate la voce della vittima, aiutateci a garantire l'equilibrio in campo". Debra Messing ha scritto direttamente a Rapp: "Sei coraggioso, il mio cuore si spezza per quel 14enne".

Più esplicita la comedian Cameron Esposito: "Giusto per essere fottutamente chiari: essere gay non ha niente a che fare con le molestie ai minori". Categorico anche l'attore Billy Eichner: "Quel comunicato di Kevin Spacey. No. Assolutamente no. No". Guy Brunum, attore e autore, ha acceso i riflettori sulla ''cortina fumogena alzata dai pr. Il modo più raffinato di fare coming out è una cortina fumogena dei pr che distraggono la gente dal fatto che tu abbia provato a molestare un ragazzino".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza