Home . Sostenibilita . In Privato . In treno o in aereo, le regole per chi viaggia con il cane

In treno o in aereo, le regole per chi viaggia con il cane

IN PRIVATO
In treno o in aereo, le regole per chi viaggia con il cane

In aereo, in pullman, con il carpooling e sul treno. Chi parte per le vacanze in compagnia del proprio cane, oltre alla sistemazione giusta (che sia una casa o un albergo o campeggio 'pet friendly) deve preoccuparsi anche del viaggio perché ogni mezzo di trasporto ha le sue regole. A ricordarle è Virail, la piattaforma e app che compara tutti i mezzi di trasporto.


Partiamo dall'aereo: anche il cane deve fare il biglietto. A seconda della taglia potrà volare in cabina oppure in stiva: in ogni caso, dovrà rimanere dentro al trasportino o al kennel omologato Iata (International Air Transport Association). Attenzione: non possono volare i cuccioli che hanno meno di tre mesi di età.

In treno è ammesso un solo animale per ciascun viaggiatore. I cani di taglia piccola viaggiano gratuitamente, previa comunicazione, all’interno dell’apposito contenitore (dimensioni 70x30x50). I cani di taglia medio-grande, con guinzaglio e museruola, hanno invece bisogno del biglietto. Per il mese di agosto tante società per il trasporto ferroviario propongono offerte per portare gli amici animali in carrozza.

Se preferite viaggiare in carpooling, bisogna controllare che il conducente indichi nel suo annuncio la possibilità di portare cani a bordo. Per questioni di sicurezza gli animali possono viaggiare su BlaBlaCar solo in presenza del legittimo proprietario. Preferibilmente, il cane dovrebbe viaggiare in un kennel rigido, per non creare problemi al guidatore, oppure nell’abitacolo con la cintura di sicurezza, per non farsi male in caso di frenate brusche. Portate un telo per proteggere i sedili e un mini aspirapolvere per auto per ripulire l’auto dai peli del cane.

Per chi si sposta per lunghe distanze con i pullman in compagnia del proprio amico a 4 zampe, bisogna tener conto che non sempre gli animali domestici sono ammessi a bordo. In alcuni casi possono viaggiare, pagando un biglietto, i cani di piccola taglia, trasportati in una borsa o in altro mezzo idoneo.

Per mettersi in viaggio con il cane bisogna fare attenzione anche ad altro. A partire dai documenti: soprattutto se si viaggia in aereo o in treno è fondamentale avere con sé il certificato di iscrizione all’anagrafe canina, il libretto sanitario o il passaporto; per i viaggi all’estero potrebbero essere necessari tatuaggio o microchip, e alcune vaccinazioni.

Accessorio indispensabile per il viaggio: il trasportino. Per permettere al cane di prendere confidenza con il trasportino, il consiglio è di utilizzarlo come cuccia nelle settimane precedenti la partenza.

E ancora: la valigia che, oltre al kit di pronto soccorso, deve contenere i suoi oggetti preferiti, come cuccia, giochi e ciotole per farlo sentire a suo agio anche fuori casa. Non devono mai mancare cibo e acqua, ma mai far mangiare il cane prima della partenza per evitare che possa sentirsi male. Se il cane viaggia in stiva in aereo dovrà avere con sé nel trasportino una ciotola per l’acqua.

Infine, la pausa: se viaggiate in macchina fermatevi presso le aree di sosta, se state organizzando un viaggio in treno informatevi se ci sono fermate più lunghe in alcune stazioni e approfittatene.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.