Home . Sostenibilita . World in Progress . La CO2 diventa materia prima per produrre bioplastica

La CO2 diventa materia prima per produrre bioplastica

WORLD IN PROGRESS
La CO2 diventa materia prima per produrre bioplastica

Utilizzare l’anidride carbonica presente in atmosfera come 'materia prima', a costo zero, per la produzione di bioplastica, naturale e biodegradabile al 100%, contribuendo così alla riduzione della CO2.


Bio-on, Intellectual Property Company (IPC) italiana che opera nel settore della bioplastica, e il Gruppo Hera hanno raggiunto un accordo per partecipare assieme, rispettivamente con il 90% e il 10% (con la possibilità per Hera di salire fino al 49,9%), Lux-on, la nuova società fondata da Bio-on con l’obiettivo di rivoluzionare la produzione di biopolimeri PHAs utilizzando anche CO2 catturata dall’atmosfera e producendo energia senza l’utilizzo di fonti fossili.

L'anidride carbonica si aggiunge così alle materie prime già utilizzate finora per produrre la bioplastica Bio-on: melassi di barbabietola e canna da zucchero, scarti di frutta e patate, fonti di carbonio in genere, glicerolo e olio di frittura esausto.

I laboratori e il primo impianto del nuovo progetto Lux-on verranno costruiti entro il 2019 vicino allo stabilimento industriale di Bio-on Plants a Castel San Pietro Terme (Bologna); sarà interamente realizzato e progettato da tecnici Bio-on in collaborazione con Hera, con impianti di recupero dell’anidride carbonica dall’atmosfera e da quelli di produzione di energia rinnovabile da luce solare.

Lo sviluppo della tecnologia sarà favorito dal fatto che molti dei principi e delle attrezzature utilizzate nella tecnologia standard sono utilizzabili anche nei nuovi sistemi produttivi Lux-on; per questo il passaggio dalla fase di sviluppo a quella pre-industriale risulterà molto accelerato. L’impianto sorgerà su un’area di 1.500 mq, di cui 600 mq coperti, e avrà una capacità produttiva flessibile ed espandibile rapidamente.

L’energia elettrica utilizzata nel processo produttivo di Lux-on sarà prodotta da impianti fotovoltaici che forniranno anche energia stoccabile per l’alimentazione notturna. L’idrogeno, gas non inquinante, verrà prodotto a partire dall’energia solare, conservato fino al momento dell’utilizzo, e poi ritrasformato in energia elettrica per alimentare l’impianto quando i pannelli solari non funzionano, la notte o in momenti di scarsa illuminazione solare.

"Siamo particolarmente orgogliosi di dare concretezza a un sogno dell’umanità come catturare CO2 dall’atmosfera per produrre materiali innovativi come il nostro biopolimero PHAs – dichiara Marco Astorri, presidente e Ceo di Bio-on - Siamo pronti ad affrontare questa nuova sfida che allargherà ancora di più, nei prossimi anni, i nostri clienti consolidando il primato dell’Italia nella produzione di biopolimeri di alta qualità nel mondo”.

Nell’ambito dell’accordo con Hera è prevista anche una seconda linea di sviluppo finalizzata all’individuazione di sottoprodotti sostenibili per la produzione di biopolimeri. Ribattezzato da Hera Pha-Cel, consiste nella trasformazione della cellulosa di sfalci e potature in zuccheri semplici che, sottoposti a trattamento enzimatico, permettono di essere utilizzati in fermentazione.

Un processo reso possibile grazie alla tecnologia di trattamento, messa a punto dal Gruppo Hera, che sta valutando la sua applicazione anche nella produzione di biogas e biometano da sfalci e potature.

Tutte le bioplastiche PHAs (poli-idrossi-alcanoati) sviluppate da Bio-on, sono ottenute da fonti vegetali rinnovabili senza alcuna competizione con le filiere alimentari, oltre che da CO2 nei prossimi anni; possono sostituire numerosi polimeri tradizionali oggi ottenuti con processi petrolchimici utilizzando idrocarburi; garantiscono le medesime proprietà termo-meccaniche delle plastiche tradizionali col vantaggio di essere completamente eco sostenibili e al 100% biodegradabili in modo naturale.

“Con quest’accordo - spiega Tomaso Tommasi di Vignano, presidente esecutivo del Gruppo Hera - grazie all'ampiezza e alla qualità dei nostri servizi, possiamo fornire un’ulteriore e fondamentale impronta green a un progetto come Lux-on che punta a cambiare il mondo delle bioplastiche, senza contare l’impegno congiunto sul fronte della trasformazione di sfalci e potature. Un ambito, quest’ultimo, che presenta ampi margini di sviluppo, considerando che Hera raccoglie ogni anno 200 mila tonnellate di sfalci e potature e che potranno essere trasformati anche in bioplastiche grazie alla nostra tecnologia”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.