Cerca
Home . Sport .

Colpaccio salvezza dell'Empoli

SPORT
Colpaccio salvezza dell'Empoli

(Afp)

L'Empoli fa il colpaccio col Napoli e la Juventus vola sempre più indisturbata verso l'ottavo scudetto consecutivo. La sfida del Castellani emette, se ancora ce ne fosse bisogno, un verdetto quasi definitivo nella lotta per il titolo. I toscani vincono 2-1 e fanno precipitare i partenopei a -18 dai bianconeri. Sono invece tre punti d'oro nella volata salvezza per la squadra di Andreazzoli, a segno con Farias nel primo tempo e Di Lorenzo nella ripresa. Il momentaneo pareggio di Zielinski prima dell'intervallo non basta per evitare il k.o. alla squadra di Ancelotti, forse già con la testa alla sfida della prossima settimana con l'Arsenal nel primo round dei quarti di Europa League.


Nella formazione dell'Empoli la novità più importante è il ritorno tra i pali di Provedel al posto dell'infortunato Dragowski, mentre nel Napoli il turnover fa molte vittime a cominciare da Mertens, che si accomoda in panchina. Ancelotti schiera Ounas al fianco di Milik in attacco, ma trovano spazio anche Luperto in difesa e Younes sulla corsia sinistra. Il Napoli però inizia al piccolo trotto e si fa sorprendere da un Empoli che non mostra alcun timore reverenziale. Alle soglie della mezz'ora i toscani trovano il vantaggio con un destro di Farias che, complice una deviazione di Zielinski, mette fuori causa Meret.

L'1-0 non sembra scuotere il Napoli, anzi. Al 38' è Meret a salvare gli azzurri sbarrando la porta sulla conclusione a botta sicura di Caputo, pescato al centro dell'area da Farias. Ma al 41' arriva la prima tegola anche per Andreazzoli, costretto a sostituire l'infortunato Krunic con Brighi, e prima dell'intervallo il Napoli riesce a raddrizzare almeno in parte le cose grazie a un'invenzione di Zielinski: bolide di destro dalla grande distanza e 1-1.

L'avvio della ripresa sembra però un film già visto dopo il fischio iniziale del match, con la squadra di Ancelotti svogliata e quella di Andreazzoli col coltello tra i denti. Meret risponde presente sulle conclusioni mancine prima di Pajac e poi di Caputo, ma nulla può al 53' sull'incornata di Di Lorenzo su corner che vale all'Empoli il 2-1.

Il Napoli è di nuovo costretto a rincorrere e nell'ultima mezz'ora lo fa con Fabian Ruiz e Mertens, entrati al posto di Ounas e Younes. La squadra di Ancelotti è pericolosa con una conclusione di Milik respinta da Provedel al 68', ma poi non trova più le energie per abbattere il fortino dell'Empoli. I toscani sfiorano addirittura il tris in contropiede al 75' con Farias, ipnotizzato da un provvidenziale Meret, ma la vittoria seppur di misura basta e avanza per guardare al futuro con maggiore ottimismo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.